Come funziona il 118 a Bologna? Un video spiega la giornata di un operatore

Il 118 è un numero unico. In tutti i sensi. Non solo è il numero da chiamare per qualsiasi emergenza sanitaria (e presto sarà sostituito dal NUE 112 per qualsiasi emergenza a 360 gradi) ma è un servizio organizzato in maniera dinamica e in continua evoluzione. La tecnologia ha trasformato negli ultimi anni la centrale operativa, il lavoro degli operatori, il rapporto con le ambulanze, rendendo il servizio sempre più efficiente, capillare e consentendo l’accentramento delle cabine di regia che saranno presto solo tre per tutta la regione.

Chiamare il 118 in situazione di emergenza sanitaria è in Emilia Romagna un atto praticamente automatico, quasi un riflesso condizionato. E’ talmente connaturato nei cittadini che forse nessuno si chiede più come funzionavano le cose quando il 118 non c’era. O come in questi anni il sistema sia mutato e cresciuto, e soprattutto quale organizzazione di uomini, mezzi e tecnologie lo rendono funzionante. Tutte le richieste di soccorso sanitario effettuate a Bologna, Ferrara e Modena confluiscono in questa Centrale Operativa (Centrale Operativa 118 Area Omogenea Emilia Est). Il personale infermieristico che riceve le chiamate registra su sistema informatico le notizie ricevute, identifica una presunta criticità ed individua la risorsa idonea per rispondere al bisogno sanitario.

Un mix di esperienza e di formazione imprescindibili per il personale infermieristico che proviene dalla rete del sistema di Emergenza ed effettua un percorso formativo specifico.

La presenza del personale infermieristico rappresenta un valore aggiunto, non ultimo nei casi in cui supporta telefonicamente il personale laico nelle manovre rianimatorie o di disostruzione delle vie aeree ed in tutti i casi nei quali fornisce agli astanti indicazioni o semplici manovre prima dellarrivo del mezzo di soccorso. La tecnologia è stato l’elemento determinante per lo sviluppo del sistema 118; negli ultimi anni l’operatore ha a disposizione strumenti informatici sempre più potenti che permettono di identificare geograficamente la provenienza della chiamata, le criticità sanitarie (codice rosso, giallo, verde) e trasmetterle in tempo reale al mezzo di soccorso.

Una rete di soccorso solida, sulla quale è stato possibile innestare dei percorsi specifici. In questi anni infatti, la strutturazione di percorsi specifici per i pazienti con “trauma”, “infarto del miocardio” e “ictus”, ha consentito di garantire risposte di qualità e di tempestività assistenziali di gran lunga migliori rispetto a qualsiasi altra condizione preesistente.

Il 118 è fatto da persone, da competenze, esperienza, tecnologia e organizzazione. Ma soprattutto passione. Passione di chi opera all’interno, che sia davanti ad un terminale, sopra un’ambulanza, o a bordo di un elicottero.

Testo tratto dal videoUna telefonata allunga la vita“ a cura dell’Agenzia informazione e ufficio stampa della Giunta Regione Emilia Romagna 

Di Ermanno Muolo

 

L'autore

Emergency Live

Emergency Live is the only multilingual magazine dedicated to people involved in rescue and emergency. As such, it is the ideal medium in terms of speed and cost for trading companies to reach large numbers of target users; for example, all companies involved in some way in the equipping of specialised means of transport. From vehicle manufacturers to companies involved in equipping those vehicles, to any supplier of life- saving and rescue equipment and aids.

Articoli correlati

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

SEI UN LETTORE?

registrati-ora

SEI UN’AZIENDA?

diventa-partner

X