Il Soccorso Rosso Internazionale: un’atipica modalità  di soccorso integrata

Il Soccorso Rosso Internazionale: un’atipica modalità  di soccorso integrata

Il Soccorso Rosso Internazionale fu fondato alla fine del 1922 a Mosca in occasione del IV congresso dell’Internazionale Comunista con lo scopo preciso di dare adito ad un’organizzazione di soccorso permanente sul piano giuridico, politico, materiale e morale alle vittime della lotta antifascista e della lotta di classe e del terrore bianco.

L’iniziativa centralizzava ed estendeva a livello internazionale alcune attività di organismi similari, createsi piano piano in svariati paesi, come al tempo stesso, contribuiva alla formazione di semplici gruppi di sostegno ai detenuti politici e alle vittime del fascismo in diverse località d’Europa.

La più grande filiale del Soccorso Rosso internazionale ha avuto sede a Mosca, dove tuttora sono conservati alcuni archivi che documentano tutte le vicende di questo corpo davvero capace di offrire in specifiche situazioni di emergenza un servizio di soccorso a 360°.

Lo Sri aveva un carattere apartitico ed era articolato in sezioni nazionali suddivise a loro volta in comitati locali. Sebbene la struttura organizzativa e i dirigenti dovessero essere autonomi dall’Ic e dai partiti comunisti, tuttavia furono proprio questi ultimi a costituire un legame basilare in grado di controllare le sezioni nazionali.

All’interno dello Sri la sezione sovietica esercitava palesemente il ruolo di guida. Alla fine del 1937 lo Sri fu colpito dalla repressione staliniana e incominciò una fase di progressivo svuotamento che terminò con il patto Molotov-von Ribbentrop e con l’inizio della seconda guerra mondiale. La sezione italiana, insieme ad alcune altre, invece continuò ad esistere anche durante il periodo bellico.

Uno degli interventi più importanti fu quello del 1934 in occasione della guerra delle Asturie. Durante la protesta dei lavoratori e nel bel mezzo della guerra civile che scoppiò in quegli anni in Spagna, il Soccorso Rosso Internazionle organizzò con successo un’intensa attività di supporto ai prigionieri di guerra insistendo con la creazione di diverse campagne sull’amnistia e sostenendo tutta una serie di iniziative davvero interessanti : costruzioni di ospedali, ricoveri di fortuna per le milizie ribelli, costruzione di asili, scuole, orfanotrofi, banche del sangue, campagne di igiene dentale e tanto altro ancora.

L’attività dello SRI fu inoltre molto densa di altri episodi degni di nota come in Sud America e nei Paesi Bassi.Messico e Cuba invece, raggiunsero in quegli anni il primato di essere tra i paesi che maggiormente potevano contare di filiali molto attive in quest’atipica e comunque importante forma di soccorso internazionale.

 

L'autore

Emergency Live

Emergency Live is the only multilingual magazine dedicated to people involved in rescue and emergency. As such, it is the ideal medium in terms of speed and cost for trading companies to reach large numbers of target users; for example, all companies involved in some way in the equipping of specialised means of transport. From vehicle manufacturers to companies involved in equipping those vehicles, to any supplier of life- saving and rescue equipment and aids.

Articoli correlati

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

SEI UN LETTORE?

registrati-ora

SEI UN’AZIENDA?

diventa-partner

X