Soccorso Alpino, ad Asiago è “caccia” ai dispersi maleducati

Soccorso Alpino, ad Asiago è “caccia” ai dispersi maleducati

Potrebbe finire in tribunale la storia degli escursionisti maleducati e superficiali che nei giorni scorsi si sono persi a cima Larici, vicino Asiago. I turisti hanno infatti lasciato i soccorritori a cercarli per ore, nella neve, senza avvertirli che… avevano ritrovato la strada per casa. Il gruppo di persone disperse aveva chiamato il Soccorso Alpino dopo aver perso il sentiero. Immediati i soccorsi e la attivazione dei mezzi e degli uomini che hanno perlustrato la zona, arrivando a pensare il peggio. Fino a quando, dopo ore di ricerca, dalla centrale i soccorritori hanno rintracciato uno dei dispersi. Che però era già in autostrada, sulla sua auto, in direzione di casa. A dare la notizia è Vicenza Today, che spiega come, dopo il falso allarme, agli escursionisti “dispersi” arriverà il conto salato dell’intervento inutile. Il comportamento leggero dei turisti sarà inoltre vagliato dalla Procura e dalle autorità del Soccorso Alpino regionale, per valutare se la “dimenticanza” possa assumere i connotati del procurato allarme e, quindi, se far pagare l´intervento al gruppo come previsto dal decreto regionale 1411/11 che disciplina i servizi di soccorso.

La norma prevede la compartecipazione della spesa qualora “non sussistano le condizioni di emergenza-urgenza e che l´utente abbia riferito una situazione diversa da quella reale”. Il costo delle squadre a terra si aggira attorno ai “200 euro per il diritto di chiamata di ciascun team composto da un massimo di tre operatori e di 50 euro per ogni ora di lavoro dopo la prima, fino a un massimo di 1.500 euro”. Ma il procurato allarme potrebbe far rischiare ai turisti ben di peggio, perché “Chiunque, annunziando disastri, infortuni o pericoli inesistenti, suscita allarme presso l’autorità, o presso enti o persone che esercitano un pubblico servizio, è punito con l’arresto fino a sei mesi o con l’ammenda da euro 10 a euro 516″.

Meglio portare più rispetto per i soccorritori

L'autore

Emergency Live

Emergency Live is the only multilingual magazine dedicated to people involved in rescue and emergency. As such, it is the ideal medium in terms of speed and cost for trading companies to reach large numbers of target users; for example, all companies involved in some way in the equipping of specialised means of transport. From vehicle manufacturers to companies involved in equipping those vehicles, to any supplier of life- saving and rescue equipment and aids.

Articoli correlati

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

SEI UN LETTORE?

registrati-ora

SEI UN’AZIENDA?

diventa-partner

X