Attacco a Expo? In 20 minuti attivo il super piano PEIMAF

Attacco a Expo? In 20 minuti attivo il super piano PEIMAF

Un atto terroristico, una battaglia urbana, un incidente grave o un disastro naturale. Qualunque cosa accada a Expo, Areu è pronta per far entrare in azione i soccorritori lombardi e definire un flusso di feriti preciso verso 7 ospedali attorno alla zona Fiera di Milano, dove è atteso nell’arco di quest’anno un flusso di 10 milioni di visitatori.

Un piano d’emergenza che è stato  studiato prendendo spunto dalle tattiche medevac dell’esercito israeliano. In meno di 20 minuti infatti le sette strutture devono essere pronte per spostare pazienti e richiamare il personale. I feriti in arrivo dal sito Expo saranno trattati fra Niguarda, Policlinico, Sacco, San Carlo, Pini, Garbagnate e Rho. E’ attiva un’unità di crisi in grado di coordinare da lontano le fasi di evacuazione, l’arrivo nei Pronto Soccorso (che nel frattempo sono stati svuotati dai pazienti trasferibili e organizzati con aree dedicate) l’organizzazione di spazi di accoglienza. E’ previsto anche un’ordine di richiamo in caso di emergenza e un’organizzazione del personale interno all’ospedale secondo fasce di colore ben riconoscibili in base ai compiti assegnati.

Questo è uno dei piani di emergenza sanitaria più massicci e complessi mai applicati in Italia, ed previsto per il massiccio afflusso di feriti in arrivo dai padiglioni dell’Esposizione universale. Il piano – Peimaf, Piano di emergenza per massiccio afflusso di feriti – è stato provato giovedì scorso. Una simulazione in piena regola, a una settimana dall’inizio dell’evento.

Ciascuno dei sette ospedali si attiverà in base alle proprie aree di competenza: il Niguarda come Centro trauma di alta specializzazione, il Policlinico per i bambini e le donne in gravidanza, il Sacco per gli attacchi bioterroristici, il San Carlo per i politraumi con necessità di interventi neurochirurgici, il Pini per l’ortopedia, Garbagnate e Rho come ospedali generalisti a due passi dal sito di Expo. «L’organizzazione ospedaliera dei soccorsi in fase di maxi-emergenza è demandata ai Pemaf, che delineano preventivamente le soluzioni organizzative e logistiche più idonee per fronteggiare un eventuale massiccio ed imprevisto afflusso di pazienti, identificando la tipologia delle misure da adottare, le modalità, i tempi di attuazione, i responsabili e gli esecutori materiali dei diversi interventi – scrive l’assessorato alla Sanità in un documento del 14 novembre proprio dedicato ai Pemaf studiati per i sei mesi Expo -. È prevista anche la gestione di pazienti con problemi derivanti da attacchi nucleari, biologici, chimici e radiologici». I sette ospedali sono organizzati per ricevere contemporaneamente 44 feriti in codice rosso, 88 in codice giallo e 282 in codice verde. Anima dell’organizzazione è Giancarlo Fontana, primario del San Carlo e tra gli esperti del Pirellone nella programmazione sanitaria legata alle emergenze, che ha studiato a lungo il modello adottato nelle zone più calde di Israele.

Nella simulazione di giovedì i sette ospedali adotteranno tutti i protocolli previsti: infermieri, rianimatori, chirurghi, internisti, cardiologi, neurochirurghi, radiologi e psicologi (al lavoro, reperibili o fuori servizio) si muoveranno come in caso di un reale massiccio afflusso di pazienti e ciascuna struttura sarà trasformata in un campo di battaglia. Con la previsione dei settori da evacuare, la creazione di corsie d’accesso preferenziali per i feriti, la velocizzazione delle procedure di accettazione (triage), la predisposizione dei carrelli con le attrezzature, la modulistica semplificata per l’identificazione dei pazienti. Tutto dev’essere pronto.

L'autore

Emergency Live

Emergency Live is the only multilingual magazine dedicated to people involved in rescue and emergency. As such, it is the ideal medium in terms of speed and cost for trading companies to reach large numbers of target users; for example, all companies involved in some way in the equipping of specialised means of transport. From vehicle manufacturers to companies involved in equipping those vehicles, to any supplier of life- saving and rescue equipment and aids.

Articoli correlati

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

SEI UN LETTORE?

registrati-ora

SEI UN’AZIENDA?

diventa-partner

X