Barelle, ecco cosa vuole il soccorritore: i risultati del nostro sondaggio

Sicurezza, leggerezza e comodità. Tre concetti vincenti che devono essere sempre presenti secondo il nostro sondaggio, che ha visto più di 1.000 soccorritori partecipanti

vano_trauma_ambu“La vostra opinione conta!” Chissà quante volte avete sentito questa frase, detta spesso a sproposito. Ma per Emergency Live le parole sono molto importanti e per dimostrarvelo, abbiamo deciso di mettere in piedi per la prima volta un sondaggio ad ampio raggio, per cercare di amplificare la vostra voce e segnalare le vostre necessità al mondo dei costruttori di ambulanze e dispositivi medico-sanitari. Il primo ambito su cui abbiamo focalizzato la nostra attenzione è stato quello dei dispositivi di trasporto, con un’attenzione speciale per la barella autocaricante. Ormai è un obbligo avere un prodotto simile sulla propria ambulanza e i presidi in circolazione vengono migliorati – in molti casi – con aggiornamenti continui.

Noi abbiamo cercato di fare chiarezza su ciò che davvero serve ai soccorritori e vi abbiamo chiesto quali sono i pregi e i problemi principali su cui bisogna lavorare. E la comunità di Emergency Live (ormai siete quasi 30.000 su Facebook e ogni mese siete più di 150.000 a leggerci, grazie!) ha risposto con precisione a questo appello. In totale sono arrivate in redazione più di 1.000 risposte, e quella che segue è la vostra lista di desideri per una barella perfetta.

 

SICUREZZA, LO SGANCIO DEVE ESSERE PIU’ COMODO

Villa scassi, prontosoccorso, blocco delle barelle, ambulanze inIl 50.6% dei soccorritori italiani ha detto chiaramente che, per il futuro, vuole una barella più sicura da scaricare. Più di 500 soccorritori hanno infatti richiesto un sistema rapido che aiuti il soccorritore nella fase di uscita della barella dal mezzo, che permetta al manovratore di tenere le mani sempre salde sulla barella. Uno dei motivi si legge fra i commenti lasciati dai soccorritori: “Servono dispositivi che aumentino la confidenza, soprattutto se il barelliere è un novellino. Tutti hanno paura che sganciando la barella da sotto le dita vengano schiacciate”. Subito dopo con il 27,8% delle risposte, viene la richiesta di una movimentazione semplificata, poi un miglioramento dei freni (19.6%) e infine l’eliminazione delle leve  (1.9%).

 

_MG_5670LEGGEREZZA BARELLA, MUOVERSI SENZA FATICA E’ FONDAMENTALE

Se la richiesta più importante è quella di un dispositivo sicuro, con un sistema di aggancio e sgancio più semplice da attivare, subito dopo nella barella del futuro viene richiesto un dispositivo più manovrabile al di fuori dell’ambulanza. I comandi facili sull’impugnatura sono sempre importanti per i soccorritori (18,5%) ma sui “desiderata” c’è maggiore uniformità di giudizio. Il 14% dei soccorritori vuole le ruote piroettanti. Il 22,9% vorrebbe un dispositivo genericamente più manovrabile. Ma anche caricamento elettrico e luci laterali hanno buone richieste da parte dei soccorritori (rispettivamente 10.2% e 9.6% delle risposte).

 

3937801823_7affc74ac6_oSEMPLICITA’ E COMODITA’, PER L’OPERATORE E PER IL PAZIENTE

Quello che diventa indispensabile per i soccorritori è l’avere una barella semplice e comoda, per tutte e tre le persone che devono usare il dispositivo: i due soccorritori e il paziente.  Poi c’è il discorso del “must-have”. Vi abbiamo dato la possibilità di indicare 3 o più pregi che i vostri dispositivi devono aver per sceglierli e ci sono state belle sorprese rispetto alle classiche discussioni che si hanno in sede e nei forum. Non ci saremmo aspettati infatti che le ruote di grandi dimensioni fossero uno dei punti fondamentali da avere (42,4%) così come la geometria anti-ribaltamento (37,3%) i sistemi per evitare sblocchi imprevisti (37,1%) o le spondine semplificate (26,5%).

Infine abbiamo voluto dare spazio anche alle critiche dei soccorritori, permettendovi di votare i prodotti che state usando. In sintesi: Il 49,4% dei soccorritori da un voto sufficiente alla propria barella, il 40,5% un voto buono e l’1.9% un voto ottimo. Solo un 8,2% degli utilizzatori da un voto insufficiente e vorrebbe miglioramenti in diversi comparti: vibrazioni per il paziente, rumorosità, e problemi di apertura in fase di scarico sono i più importanti punti su cui lavorare. Due richieste che ci sentiamo di poter riportare, anche come “informazione di servizio” sono quelle di lavorare per uno standard unico sui leveraggi di comando e per i pianali di aggancio. Un solo codice colore, un solo sistema di apertura e chiusura delle gambe, sarebbero di gran lunga l’innovazione più bella per tutti i soccorritori. Per permettere sempre di lavorare in sicurezza e con serenità, ad ogni servizio.

L'autore

Emergency Live

Emergency Live is the only multilingual magazine dedicated to people involved in rescue and emergency. As such, it is the ideal medium in terms of speed and cost for trading companies to reach large numbers of target users; for example, all companies involved in some way in the equipping of specialised means of transport. From vehicle manufacturers to companies involved in equipping those vehicles, to any supplier of life- saving and rescue equipment and aids.

Articoli correlati

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

SEI UN LETTORE?

registrati-ora

SEI UN’AZIENDA?

diventa-partner

X