Bon ton dei soccorritori: 13 cose da ricordare in Pronto Soccorso

Bon ton dei soccorritori: 13 cose da ricordare in Pronto Soccorso

L’emergenza e l’urgenza medicale sono settori dove è complesso rapportarsi con la propria squadra, il paziente e i famigliari della vittima di un incidente, nonché con le altre persone che interagiscono sulla scena dell’evento. Ci sono migliaia di variabili, decine di atteggiamenti differenti e tutte influiscono su come andiamo ad affrontare il lavoro da fare. Sicuramente però al centro di tutto questo c’è l’educazione e il modo in cui le relazioni, le comunicazioni e le parole vengono usate. Sono tutti aspetti che permettono a un professionista di affrontare al meglio il proprio lavoro.  Carlo d’Apuzzo di EMPills affronta il tema partendo da una conferenza sulle buone regole di comportamento da tenere in Pronto Soccorso, tenuta a Rimini dal prof. Rodolfo Sbrojavacca.  Ecco quindi 13 cose da ricordare quando si lavora in PS o in Emergenza-Urgenza.

Parlare in pubblico, come ad esempio a una conferenza, non è una cosa che riesce bene a tutti. Ci sono persone che hanno il dono di rendere piacevole e interessante qualsiasi argomento.Chi ha sentito parlare anche solo una volta Rodolfo Sbrojavacca sa che appartiene a questa categoria e che ascoltarlo varrà sicuramente il “prezzo del biglietto” Al congresso di Rimini ha presentato due relazioni: una sui fluidi nel paziente critico con gli ultimi aggiornamenti sullo studio recentemente pubblicato sul New England Hydroxyethyl Starch or Saline for Fluid Resuscitation in Intensive Care e un’altra sul vivere civile e sulle buone regole di comportamento in pronto soccorso. Di quest’ultima vi parlerò oggi.
E’ innegabile che molto del nostro benessere o del nostro disagio deriva d come affrontiamo il nostro lavoro, dai nostri rapporti con colleghi, specialisti, pazienti e parenti; insomma dal nostro modo di essere medici.

 

CONTINUA A LEGGERE

L'autore

Emergency Live

Emergency Live is the only multilingual magazine dedicated to people involved in rescue and emergency. As such, it is the ideal medium in terms of speed and cost for trading companies to reach large numbers of target users; for example, all companies involved in some way in the equipping of specialised means of transport. From vehicle manufacturers to companies involved in equipping those vehicles, to any supplier of life- saving and rescue equipment and aids.

Articoli correlati

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

SEI UN LETTORE?

registrati-ora

SEI UN’AZIENDA?

diventa-partner

X