Emergenza neve in Centro Italia: il cuore straordinario dell’Italia che sa aiutare gli altri

Emergenza neve in Centro Italia: il cuore straordinario dell’Italia che sa aiutare gli altri

COSA STANNO FACENDO I VOLONTARI, I MILITARI, I TECNICI DEL CNSAS, I VIGILI DEL FUOCO E I SOCCORRITORI SANITARI?

Ve lo segnaliamo in questo lungo pezzo, che aggiorneremo durante tutto il periodo dell’emergenza con  nuove gallery fotografiche, nuovi video e nuove segnalazioni sulle attività che i soccorritori stanno portando avanti per liberare il centro Italia dalla morsa della neve, per sistemare le persone che hanno bisogno di un aiuto subito dopo le ultime sequenze sismiche e per evitare che il rischio idrogeologico causi ulteriori danni e morti nelle regioni del Sud, dove sta imperversando in queste ore una nuova tempesta. Partiamo ovviamente dall’unica fonte ufficiale e precisa a cui fare affidamento: I comunicati ufficiali della Protezione Civile.

  01

RIETI – Con oltre 8mila uomini e donne e 3mila mezzi, il sistema di protezione civile continua a essere impegnato nelle attività di ricerca e soccorso, nell’assistenza alla popolazione, nel ripristino delle forniture di energia elettrica e della viabilità stradale. Le operazioni oggi si stanno svolgendo per lo più via terra perché le condizioni meteo non ottimali – caratterizzate da nuvolosità diffusa e quota neve sopra i mille metri – ostacolano l’utilizzo dei mezzi aerei.

Non si sono mai interrotte le attività di ricerca e soccorso nello scenario operativo dell’hotel Rigopiano, dove nel pomeriggio è stata estratta la sesta vittima. Il numero dei dispersi scende quindi a 23. La scorsa notte, sul versante sovrastante la struttura ricettiva, è stato installato un radar in grado di consentire l’allertamento rapido in caso di valanghe, il cui rischio nell’area rimane molto alto.

Diversi gli interventi finalizzati al trasporto di viveri, farmaci e carburante nelle frazioni ancora in difficoltà a causa degli accumuli di neve – a Rocca Santa Maria, Valle Castellana, Crognaleto e Castelli, nel teramano – così come i recuperi e le evacuazioni, che hanno interessato oggi i comuni di Valle Castellana e Cermignano, sempre nel teramano, e di Acqusanta nell’ascolano. Nelle Marche e in Abruzzo continuano le numerose operazioni di allargamento e pulizia delle strade per ristabilire quanto prima la viabilità locale.

Per quanto riguarda le disalimentazioni, il lavoro dei tecnici di Enel e Terna ha consentito il ripristino quasi completo delle utenze nelle Marche e una rilevante riduzione delle utenze disalimentate in Abruzzo, scese da 27mila a 10mila, tutte concentrate nella provincia di Teramo. Il numero degli assisiti dal Servizio nazionale della protezione civile in seguito ai terremoti di agosto e ottobre, alla recente ondata di maltempo e ai nuovi eventi sismici del 18 gennaio, arriva a contare oltre 12mila persone.

In questa gallery segnaliamo l’intervento dell’associazione SEIRS Croce Gialla di Parma, che è scesa nelle regione colpite dal sisma e dalle forti nevicate per portare viveri e beni di prima necessità
  • iannaconeseirs
  • seirs
  • mangimi_parma
  • viveri
  • mangime2
  • mangime
Si ringrazia per queste foto: Francesca Bocchia
Immagini dalla Protezione Civile di Silvi, in azione

Immagini dalla Protezione Civile di Silvi, in azione

Per le zone terremotate e colpite dal maltempo quella di questi giorni è un’emergenza su più fronti, che si moltiplicano man mano che arrivano le informazioni. Non c’è solo la tragedia dell’Hotel Rigopiano di Farindola, dove ci sono 30 persone coinvolte in una slavina che ha distrutto un albergo. Non ci possiamo dimenticare della situazione compromessa dalle forte e continuate nevicate su tutto il centro italia, dalle Marche fino al Molise.  Alle strade già fortemente lesionate dalle continue scosse si sono aggiunti i cumuli di neve; l’innalzamento delle temperature sta provocando diverse slavine lasciando isolate intere comunità.
Intenso è l’impegno svolto dai volontari di Protezione Civile che con tutti i mezzi a loro disposizione stanno cercando di raggiungere questi territori per portare beni di prima necessità, gasolio, medicinali, e non dimenticandosi degli animali che hanno bisogno di foraggio, fieno e paglia per il bestiame. Ci sono 35.000 utenze che non hanno corrente elettrica ed è drammatico per le zone dove c’è difficoltà nell’arrivare.
Le immagini che vi forniamo in questa gallery arrivano anche dalle tante associazioni che sono sul post. In particolare ringraziamo la Protezione Civile di Silvi che insieme al Soccorso Alpino della Guardia di Finanza sta rifornendo di medicinali alcune frazioni isolate nel Teramano. Il semplice lavoro che stanno facendo queste persone è indispensabile e racconta moltissimo della capacità di reagire a disgrazie terrificanti come quella del Centro Italia. L’effetto combinato di una emergenza neve e di una emergenza terremoto di queste proprozioni infatti ha le stesse dimensioni che può avere una disgrazia molto superiore.

EMERGENZA ABRUZZO: L’IMPEGNO DELLE PUBBLICHE ASSISTENZE ANPAS ABRUZZO

In seguito all’emergenza neve, aggravata dal nuovo evento sismico del 18 gennaio, novanta volontari provenienti dalle pubbliche assistenze appartenenti al comitato Anpas Abruzzo lavorano incessantemente dallo scorso fine settimana sull’intero territorio regionale. Le attività svolte spaziano dal soccorso sanitario ad attività di protezione civile, quali assistenza alle popolazioni isolate a causa delle consistenti nevicate, svuotamenti di sottopassi a causa delle abbondanti piogge, consegna beni e farmaci, evacuazione di paesi colpiti dall’evento sismico, interventi logistici, gestione di aree di accoglienza e supporto alle attività del Centro Coordinamento Soccorsi di Teramo.Le associazioni che attualmente stanno intervenendo nelle attività di soccorso con complessivi nove fuoristrada, otto ambulanze, una torre faro, cinque idrovore, sono:

AMICI DEL SOCCORSO -CH-
BUSSI SOCCORSO -PE-
CROCE ANGOLANA -PE-
CROCE BIANCA ALBA ADRIATICA -TE-
CROCE BIANCA L’AQUILA -AQ-
CROCE BIANCA TERAMO -TE-
CROCE BIANCA VAL VIBRATA -TE-
CROCE VERDE AVEZZANO -AQ-
CROCE VERDE CIVITELLA ROVETO -AQ-
CROCE VERDE VALLE CASTELLANA -TE-
CROCE VERDE VILLA ROSA -TE-
CVPC CASTELLI -TE-
CVPC MORRO D’ORO -TE-
FARNESE SOCCORSO -TE-
GRAN SASSO SOCCORSO -AQ-
GV MAGLIANO DE MARSI -AQ-
MONTEREALE SOCCORSO -AQ-
PC MONTESILVANO -PE-
PC OCRE -AQ-
PEGASO ALTINO -CH-
PROS PINETO -TE-
SER ABRUZZO -TE-
SOCCORSO AMICO -TE-
USI NOTARESCO -TE-

  • 16144728_1380078945350277_379775254_n
  • 16176558_1380078648683640_803382268_n
  • 09
  • 10
  • 11

MANDA LE TUE FOTO DAI SERVIZI IN CENTRO ITALIA

Nome (obbligatorio)

Cognome (obbligatorio)

E-mail (obbligatorio)

Città (obbligatorio)

Che ruolo svolgi nel settore dell'emergenza?

In che realtà operi (ASL, reparto, associazione, ecc...)?

Hai qualcosa da dirci (una storia, un case report o un commento)?

Vuoi allegare un'immagine?

Ricorda che puoi allegare immagini nei formati: jpg, png, gif

Acconsento al trattamento dei dati secondo la normativa sulla privacy

Non sei un robot? Scrivi questo codice captcha

In questo modulo:

L'autore

Emergency Live

Emergency Live is the only multilingual magazine dedicated to people involved in rescue and emergency. As such, it is the ideal medium in terms of speed and cost for trading companies to reach large numbers of target users; for example, all companies involved in some way in the equipping of specialised means of transport. From vehicle manufacturers to companies involved in equipping those vehicles, to any supplier of life- saving and rescue equipment and aids.

Articoli correlati

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

SEI UN LETTORE?

registrati-ora

SEI UN’AZIENDA?

diventa-partner

X