Meno accessi al pronto soccorso in Italia nel 2012, lo rivela l’Emur

Meno accessi al pronto soccorso in Italia nel 2012, lo rivela l’Emur

Si è passati così dai 14.479.595 del 2011 ai 13.433.427 del 2012. E’ ciò che è stato verificato attraverso le prestazioni erogate nell’ambito dell’emergenza-urgenza ‘passate per il 118’  e quindi trasmesse al sistema informativo Emur del Ministero della Salute. Si sono segnalate evidenti riduzioni in Veneto, circa (700 mila), Emilia-Romagna (400 mila) e Toscana (200 mila). In aumento, invece, in Calabria (250 mila) e Sicilia (600 mila).

Solo Sicilia e Calabria hanno fatto registrare raddoppi degli accessi tra il 2011 e il 2012, si precisa però che le due Regioni hanno messo a regime il flusso di dati solo lo scorso anno (2012; n.d.r.). Mancano comunque all’appello alcune regioni, soprattutto per quanto riguarda i dati relativi allo scorso dicembre.

Quest’interessante processo di monitoraggio è stato avviato dopo la pubblicazione nel numero 9 della Gazzetta Ufficiale datata 13 gennaio 200, del Decreto emanato il 17 dicembre del 2008 dall’allora ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali. Il titolo mette in evidenza in modo chiaro l’attività: “Istituzione del sistema informativo per il monitoraggio delle prestazioni erogate nell’ambito dell’assistenza sanitaria in emergenza-urgenza”.

La lettura del disciplinare, all’articolo 3, offre spunti interessanti. Si potrebbe anzi ritenere che l’elaborazione sia stata puntigliosa, allo scopo di scongiurare alibi a qualsiasi ufficio periferico. Ecco il quadro nel dettaglio del flusso informativo sul quale si è basato il monitoraggio:

  1.  identificazione della Centrale Operativa del 118;
  2.  dati relativi alla chiamata telefonica al numero 118;
  3.  dati relativi alla missione di soccorso attivata dalla Centrale Operativa del 118;
  4.   identificazione dell’assistito;
  5.   dati relativi alle prestazioni erogate nell’ambito della missione di soccorso;
  6.  dati relativi all’esito dell’intervento; per il Pronto Soccorso:
  7.  identificazione della struttura erogatrice;
  8.  dati relativi all’accesso ed alla dimissione;
  9.  identificazione dell’assistito;
  10.   dati relativi alle diagnosi ed alle prestazioni erogate;
  11.  dati relativi alla valorizzazione economica dell’accesso.

L'autore

Emergency Live

Emergency Live is the only multilingual magazine dedicated to people involved in rescue and emergency. As such, it is the ideal medium in terms of speed and cost for trading companies to reach large numbers of target users; for example, all companies involved in some way in the equipping of specialised means of transport. From vehicle manufacturers to companies involved in equipping those vehicles, to any supplier of life- saving and rescue equipment and aids.

Articoli correlati

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

SEI UN LETTORE?

registrati-ora

SEI UN’AZIENDA?

diventa-partner

X