Risolvere il problema dello spazio in ambulanza: Dal passato buone idee per il futuro

Risolvere il problema dello spazio in ambulanza: Dal passato buone idee per il futuro

80f81-vano-trauma-ambulanze-bollanti3Sono passati quasi vent’anni dall’introduzione delle normative CEN che hanno stabilito la via maestra per definire cosa ci vuole per trasformare un mezzo di trasporto in una ambulanza. Era infatti il 1998 quando vennero approvate dal Comitato Europeo di Normazione gli standard per trasformare un furgone in uno strumento sanitario prezioso per operazioni in emergenza/urgenza.

Quella scelta – che ha vincolato lo sviluppo dei carrozzieri alle idee delle case produttrici – ha portato, negli anni, diversi problemi per la gestione dei soccorsi e dei pazienti. Problemi essenzialmente di spazio, che sono stati affrontati con ingegno da infermieri, medici e volontari nei modi più disparati. Soprattutto però i problemi sono stati risolti da innovazioni tecnologiche garantite da produttori di strumenti medicali che hanno realizzato soluzioni sempre più semplici e sempre più compatte.

Ma tutti questi sforzi non sono ancora riusciti a risolvere completamente il problema basilare: operare attorno al paziente ambo lati, quando necessario, ed evitare disordine, infortuni stupidi e garantire sempre una buona visuale del paziente. Come sanno tutti quelli che almeno una volta hanno operato nel vano sanitario, il confine fra un buon soccorso e un cattivo soccorso è fatto anche di gomitate, piedi incastrati, predellini e appoggi volanti, occhiate date distrattamente sul pavimento (dove si vanno a perdere i liquidi di eventuali emorrargie) e poche, pochissime cinture di sicurezza allacciate. Come si può fare quindi per avere un’ambulanza comoda per il paziente, ergonomica e spaziosa per il soccorritore, e magari anche configurabile durante l’operazione di soccorso in base alle necessità sanitarie? Alcune idee vengono dal passato e – nonostante le normative – guidano ancora i produttori nella loro costante ricerca verso la creazione di spazi nuovi.

Comodità, accessibilità e spazio in una idea degli anni ’80

medicina_oggi_ambulanza_futuroCorreva l’anno 1984 quando un medico italiano cercò di progettare l’ambulanza giusta, accessibile sia da portellone posteriore che anteriore, con possibilità di caricare il paziente allineato in due sensi di marcia e con spazio sufficiente per far girare attorno alla barella un medico e un infermiere.
Come sappiamo bene lo scopo dell’ambulanza è preciso: trasportare velocemente un ferito o un malato dal luogo in cui si trova all’ospedale più vicino o più indicato per le sue condizioni. Questa funzione è svolta al meglio dai mezzi in circolazione. Ma non è davvero possibile fare qualcosa in più? La metodica “Scoop&Run” non può concedere nulla al metodo “Stay&Play”? Queste erano le domande basilari che si pose il medico. E le risposte sono tutte in un disegno.

In mezzo il paziente, ma al centro il sanitario!

Enrico Bossi, medico lombardo che negli anni 80 operava a Milano nel servizio di traumatologia d’urgenza del Policlinico di Milano, disegnò un’ambulanza innovativa con l’architetto milanese Rosangela Natale. Un mezzo speciale, unico nel suo genere. Un’ambulanza con vano di carico lungo che può essere concepito come un centro mobile di soccorso compatto.
“Il malato o il traumatizzato è la figura centrale, per cui il mezzo, come un vestito, deve essere costruito su misura e non adattato da un veicolo di serie, per evitare che – per esempio – l’assale posteriore non cada sotto il corpo del trasportato, oppure che le sospensioni, studiate per carichi notevoli, non siano troppo rigide a cabina vuota”. Accorgimenti che oggi sono diventati importanti in ogni progettazione, e che possono dare spunti nuovi per sviluppare idee ancora più innovative.

Nei progetti di oggi lo spazio per mezzi futuristici non c’è, e la normativa “imprigiona” lo sviluppo di nuove soluzioni all’interno di mezzi non pensati – originariamente – per il trasporto dei feriti ma per il trasporto delle merci. La normativa CEN infatti nel suo regolamento porta le ambulanze ad avere le forme standard di un mezzo commerciale cabinato o furgonato. Quindi è forzatamente all’interno di questi vani che il progettista deve lavorare per migliorare la presenza di spazi e mobilità.

E’ chiaro che la normativa cerca in qualche modo di mettere una pezza al fatto che questi mezzi siano pensati per trasportare bancali, non persone. Ma solo i carrozzieri, con l’aiuto dei produttori di dispositivi medicali, riescono a trovare soluzioni interessanti e innovative. Ogni volta che si pensa un’ambulanza infatti bisogna tenere conto che un pezzo della barella coincide sempre con uno degli assali del mezzo, che lo spazio per i piedi e per le gambe dell’operatore sanitario non è sufficiente per farlo restare seduto comodamente, che i sedili dovrebbero essere mobili e che si dovrebbe poter girare attorno al paziente senza andare a cavalcioni sulla barella. Ma soprattutto quello che bisogna tenere a mente è solo questo: se è vero che in mezzo all’ambulanza c’è il paziente, è fondamentale che al centro del progetto ci sia il sanitario! Quindi tutti gli strumenti dovrebbero trovarsi a portata di mano senza costringere l’operatore a slacciarsi la cintura di sicurezza per prenderli, e gli spazi dovrebbero essere abbastanza per operare in sinergia, senza ostacolarsi.

Strade diverse: l’innovazione passa dalle intuizioni

20140818142848-reambulance_1[1]A questo punto  l’idea con cui guardare il vano ambulanza dovrebbe cambiare, come indicava Bossi. Solo così “l’ambulanza perderebbe l’attuale aspetto limitato di mezzo di trasporto e diventerebbe il primo ambiente di cura: il paziente fin dall’atto del prelievo usufruirebbe di quella assistenza e di quel primo screening diagnostico che gli consentirebbero di raggiungere l’ospedale nelle migliori condizioni e quindi, oltre alla scelta dell’ospedale più consono, si annullerebbero i tempi di ricerca del posto letto e l’intervallo, spesso penosamente lungo, fra l’incidente e la fase terapeutica”. Parole di un medico che trent’anni dopo suonano ancora innovative, e dovrebbero far pensare su quale potrebbe essere lo sviluppo futuro delle nuove generazioni di ambulanze.

E la tua di ambulanza, è abbastanza spaziosa? Mandaci le foto del tuo vano sanitario, condividile con noi e dacci il tuo parere su cosa potrebbe migliorare lo spazio in ambulanza!

Nome (obbligatorio)

Cognome (obbligatorio)

E-mail (obbligatorio)

Città (obbligatorio)

Che ruolo svolgi nel settore dell'emergenza?

In che realtà operi (ASL, reparto, associazione, ecc...)?

Hai qualcosa da dirci (una storia, un case report o un commento)?

Vuoi allegare un'immagine?

Ricorda che puoi allegare immagini nei formati: jpg, png, gif

Acconsento al trattamento dei dati secondo la normativa sulla privacy

Non sei un robot? Scrivi questo codice captcha

In questo modulo:

 

L'autore

Emergency Live

Emergency Live is the only multilingual magazine dedicated to people involved in rescue and emergency. As such, it is the ideal medium in terms of speed and cost for trading companies to reach large numbers of target users; for example, all companies involved in some way in the equipping of specialised means of transport. From vehicle manufacturers to companies involved in equipping those vehicles, to any supplier of life- saving and rescue equipment and aids.

Articoli correlati

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

SEI UN LETTORE?

registrati-ora

SEI UN’AZIENDA?

diventa-partner

X