Storia delle ambulanze: Grazia, 62 anni che hanno segnato il soccorso in Italia

Articolo di: Alberto di Grazia, collezionista e giornalista di Emergency Live

foto 001c foto 001b

Il 1938 non è un anno facile: il mondo comincia a vedere i primi sintomi della Guerra che verrà; e in Italia, che pure si consola con la vittoria del suo secondo titolo mondiale calcistico, la situazione sociale ed economica non è certamente delle migliori.

foto 001In un clima non proprio tranquillo, ad ogni livello , a Bologna un giovanissimo Oliviero Grazia , ventiquattrenne, apre una propria attività dopo avere maturato una discreta esperienza professionale alle dipendenze di una delle più grandi carrozzerie italiane, la Menarini, famosa negli anni a venire in particolare per i suoi autobus.
Il suo carattere, come ricorda il figlio Franco, lo porta ad anticipare le scelte che altri faranno, e ad abbandonare strade che cominciano ad essere percorse da troppe persone. Ama le sfide, ed in un periodo decisamente buio per la società, con le fosche nubi di guerra che si addensano all’orizzonte, per lasciare un posto sicuro ed aprire una propria attività ci vuole davvero tanto coraggio.

Foto 02: Nella vista esterna si nota la composizione del complesso, formato da autotreni il rimorchio dei quali andava ad incrociare le motrici per formare una pianta a doppia T - foto da depliant Grazia

Foto 02: Nella vista esterna si nota la composizione del complesso, formato da autotreni il rimorchio dei quali andava ad incrociare le motrici per formare una pianta a doppia T – foto da depliant Grazia

Ma Oliviero, quel coraggio, ce l’ha: si occupa, all’inizio, di riparazione degli scarsi veicoli circolanti ma ben presto l’esperienza accumulata in precedenza unita ad un estro creativo non comune indirizza l’attività verso la realizzazione diretta di allestimenti specifici, che – dato il periodo storico – saranno in prevalenza veicoli industriali.
Quindi, la sede di Via Saffi 11 che per molti anni aveva avuto come attività principale la riparazione delle (poche) automobili e dei più numerosi mezzi commerciali, nel dopoguerra diventa abbasta rapidamente troppo angusta: cresce, infatti, la necessità di mezzi per far ripartire l’economia che si scontra però con la impossibilità o quasi di accedere all’acquisto del nuovo, vuoi per mancanza di finanze vuoi per mancanza di materie prime anche in quei casi in cui le finanze, viceversa, avrebbero potuto essere sufficienti.
Di conseguenza, la soluzione migliore è quella di trasformare in furgoni, camioncini, pianali e mezzi da lavoro in genere le macchine sopravvissute alla guerra, oppure i residuati americani di cui abbondavano i campi A.R.A.R., l’azienda che si occupava della alienazione in Italia dei mezzi militari che gli Alleati non ritenevano conveniente riportare in patria.
Nel 1950 Grazia si sposta in una nuova sede, sempre in Via Saffi ma al numero 69 e qui i 1500 metri quadrati a disposizione consentirono, finalmente, di dedicarsi con spazi sufficienti alla realizzazione ed allestimento di veicoli industriali, tra i quali spiccano le cabine lunghe per i camion, che in questo modo potevano alloggiare il lettino per il secondo autista: il mezzo poteva in questo modo viaggiare di più, e questo compensava ampiamente la riduzione marginale della portata dovuta al maggior peso delle cabine così allungate.

Foto 03: fotogramma rilevato dal sito IMCDB che ha un archivio quasi infinito di veicoli apparsi anche in ruoli secondari nei film: mostra la prima ambulanza di Grazia, una Fiat 1100ELR, sullo sfondo di una scena del film “Il ritorno di Don Camillo”.

Foto 03: fotogramma rilevato dal sito IMCDB che ha un archivio quasi infinito di veicoli apparsi anche in ruoli secondari nei film: mostra la prima ambulanza di Grazia, una Fiat 1100ELR, sullo sfondo di una scena del film “Il ritorno di Don Camillo”.

Si occupa anche di veicoli pubblicitari, settore che in Italia ebbe uno sviluppo notevole: in una economia in grave carenza di ossigeno, con una TV quasi inesistente ( passeranno molti anni prima che ve ne sia una se non in ogni casa almeno nella maggior parte) il modo migliore per fare conoscere i propri prodotti erano appunto le macchine, i camion ed i pullman pubblicitari che giravano in lungo e in largo per l’Italia, con forme e colori appariscenti, spesso al seguito delle manifestazioni sportive più rinomate in modo da restare sempre sotto gli scarni riflettori disponibili. Anche qui, Oliviero Grazia fu in prima linea come qualità e quantità di mezzi.
Allestisce poi furgoni per il trasporto carne che vantavano anche, oltre alla trasformazione di carrozzeria, alcune accorgimenti meccanici appositamente brevettati.
Per motivi di interesse di settore, qui ci limiteremo a trattare della sole ambulanze, tralasciando ogni altro aspetto di una produzione vastissima.
Nella struttura di via Saffi 69 nel 1951 nasce l’ospedale mobile “Fondazione Toscanini”, che questo Ente donò alla Croce Rossa, una struttura sanitaria composta da due “autotreni sanitari” con le motrici adibite a sale operatorie e 4 rimorchi allestiti invece come reparti degenza; vi era poi un camion gruppo elettrogeno, altri furgoni per il trasporto materiali e completavano il tutto alcune ambulanze.
Ben presto divenne obsoleto anche lo stabilimento ( perché di stabilimento vero e proprio si trattava) acquistato nel 1950, dove comunque l’attività era ancora svolta a livello tutto sommato artigianale.
La fabbrica si sposta nella vicina, e definitiva, sede di Via Cimabue, con 5000 metri quadrati su due piani dove il settore sanitario inizierà a prendere piede affiancando prima e diventando poi la parte più importante della produzione che gradatamente si evolve verso le ambulanze/veicoli sanitari, funebri e veicoli blindati rendendo marginale l’iniziale attività su mezzi da lavoro: questa, di fatto, proseguì quasi solo con quelli pubblicitari. La prima ambulanza costruita, a memoria di Franco Grazia, a lungo al timone dell’azienda assieme al fratello Pierluigi, fu una Fiat 1100ELR, realizzata nel 1952/53, quando le Officine Grazia erano già dotate di una falegnameria adatta alla costruzione delle scocche delle ambulanze.
Da quell’anno in poi la carrozzeria Grazia ha trasformato praticamente ogni mezzo, dai più classici a quelli meno frequenti.
Naturalmente, dato il periodo storico, subito dopo la 1100elr il mezzo più gettonato è stato la Fiat 1100/103, sua erede nella gamma Fiat; ma non solo la media della casa torinese ricevette le attenzioni di Oliviero e dei suoi collaboratori: restando alla principale Casa automobilistica italiana, Fiat 1800, 2100, 2300, e un gradino sotto 1400 prima e 1300/1500 poi ebbero le loro trasformazioni, così come il 1100T ma soprattutto il Fiat 238, sul finire degli anni 60 e fino tutto il 1982.
Oltre alla casa torinese Grazia non disdegna telai di altri costruttori, italiani ed esteri.
Di seguito, infatti, vedremo realizzazioni che hanno come base mezzi di varia provenienza.
E’ opportuno sottolineare anche come spesso all’ epoca le trasformazioni riguardassero non solo l’allestimento della parte sanitaria, ma fossero anche a livello estetico-telaistico, con modifiche sostanziali rispetto al veicolo originale: erano anni in cui i carrozzieri erano in effetti tali sotto ogni aspetto, non solo riparatori e non solo allestitori ma, più spesso, anche veri e propri centri di design e con capacità di realizzare forme e anticipare tendenze che magari la Casa costruttrice, qualunque questa fosse, non avrebbe potuto proporre direttamente.

  • Foto 04: Fiat 1100/103H; la macchina presenta un andamento della fiancata più slanciato della berlina di serie, un parabrezza panoramico ed il terzo vetro laterale che si allunga intorno ai montanti posteriori; dovrebbe trattarsi di una fornitura di mezzi per l’INAIL- foto da depliant Grazia
  • Foto 10: motore 1500 ( e poi 1800)  della Lancia Flavia e trazione anteriore per il Lancia Superjolly che nel 1963 sostituisce nel listino della casa di Chivasso il Jolly basato su meccanica della Appia; la trasformazione in questo casa riguardava il solo allestimento interno con barella doppia sovrapposta, di serie, oppure a barella singola disponibile a richiesta.- foto da depliant Grazia
  • Foto 09: l’interno della 2300 Ministeriale, con in bella evidenza l’impianto di ossigenoterapia alla testa del paziente – foto da depliant Grazia
  • Foto 08: “rilevata da Fiat 2300 TIPO MINISTERIALE” ( come recita il depliant da cui la foto è tratta) questa ambulanza  ordinata dalla P.A. L’Avvenire di Prato si distingue per l’allungamento dello sbalzo posteriore, con la terza luce che presenta un insolito finto deflettore che richiama quello della portiera. La modanatura cromata dà slancio a questo prolungamento che ben si amalgama,infine, con le pinne in cui sono alloggiati i fari posteriori
  • Foto 07: Fiat 1800, ambulanza di emergenza e da trasporto allestita sulla versione familiare di serie della macchina; compare qui la basetta sotto il lampeggiatore a forma di ogiva che identifica per moltissimi anni le realizzazioni di Grazia -foto da depliant
  • Foto 06: Alfa Romeo Romeo2, allestimento doppia barella con la seconda sospesa -foto da depliant Grazia
  • Foto 05 : Fiat 1100T doppia barella ( come vedremo, una costante della produzione della casa Bolognese), scalino interno per facilitare l’accesso sia al personale che a passeggeri non barellati, carrozzeria simile a quella originale ma con tre vetrature laterali contro le due del furgone Fiat. Il tetto, su questo esemplare destinato alla P.A. L’Avvenire di Prato, è quello basso di serie- foto depliant Grazia
  • Foto 11: la Fiat 1500 di Grazia si caratterizza per il padiglione rialzato, con la finestratura proporzionalmente elevata: la luminosità interna ne guadagna in maniera concreta; come il tetto, anche la parte posteriore è completamente diversa dalla originale familiare  Fiat, ed assume un andamento quasi tondeggiante; la macchina era stata allestita per la Croce Italia Bologna – foto da depliant Grazia
  • Foto 12: i luminosi interni della macchina, esaltati dalla inconsueta altezza del padiglione – foto da depliant Grazia Abbandoniamo, a questo punto,  le case torinesi per dare un’occhiata anche al di fuori dei patrii confini: in casa  Mercedes, per esempio.
Foto 04: Fiat 1100/103H; la macchina presenta un andamento della fiancata più slanciato della berlina di serie, un parabrezza panoramico ed il terzo vetro laterale che si allunga intorno ai montanti posteriori; dovrebbe trattarsi di una fornitura di mezzi per l’INAIL- foto da depliant Grazia
Foto 05 : Fiat 1100T doppia barella ( come vedremo, una costante della produzione della casa Bolognese), scalino interno per facilitare l’accesso sia al personale che a passeggeri non barellati, carrozzeria simile a quella originale ma con tre vetrature laterali contro le due del furgone Fiat. Il tetto, su questo esemplare destinato alla P.A. L’Avvenire di Prato, è quello basso di serie- foto depliant Grazia
Foto 06: Alfa Romeo Romeo2, allestimento doppia barella con la seconda sospesa -foto da depliant Grazia
Foto 07: Fiat 1800, ambulanza di emergenza e da trasporto allestita sulla versione familiare di serie della macchina; compare qui la basetta sotto il lampeggiatore a forma di ogiva che identifica per moltissimi anni le realizzazioni di Grazia -foto da depliant
Foto 08: “rilevata da Fiat 2300 TIPO MINISTERIALE” ( come recita il depliant da cui la foto è tratta) questa ambulanza ordinata dalla P.A. L’Avvenire di Prato si distingue per l’allungamento dello sbalzo posteriore, con la terza luce che presenta un insolito finto deflettore che richiama quello della portiera. La modanatura cromata dà slancio a questo prolungamento che ben si amalgama,infine, con le pinne in cui sono alloggiati i fari posteriori
Foto 09: l’interno della 2300 Ministeriale, con in bella evidenza l’impianto di ossigenoterapia alla testa del paziente – foto da depliant Grazia
Foto 10: motore 1500 ( e poi 1800) della Lancia Flavia e trazione anteriore per il Lancia Superjolly che nel 1963 sostituisce nel listino della casa di Chivasso il Jolly basato su meccanica della Appia; la trasformazione in questo casa riguardava il solo allestimento interno con barella doppia sovrapposta, di serie, oppure a barella singola disponibile a richiesta.- foto da depliant Grazia
Foto 11: la Fiat 1500 di Grazia si caratterizza per il padiglione rialzato, con la finestratura proporzionalmente elevata: la luminosità interna ne guadagna in maniera concreta; come il tetto, anche la parte posteriore è completamente diversa dalla originale familiare Fiat, ed assume un andamento quasi tondeggiante; la macchina era stata allestita per la Croce Italia Bologna – foto da depliant Grazia
Foto 12: i luminosi interni della macchina, esaltati dalla inconsueta altezza del padiglione – foto da depliant Grazia
Pages: 1 2 3 4 5 6 7 8 9

Post source : Articolo di Alberto di Grazia

L'autore

Articoli correlati

2 Comments

  1. Cory Obrist

    Anche sul territorio di Valmadrera arriveranno alcuni richiedenti asilo politico, nell ambito del progetto di accoglienza diffusa che prevede nella nostra Provincia un nuovo modello per la loro distribuzione sul territorio, in piccoli gruppi che consentano di superare le grandi

    Reply
  2. Edoardo130

    Complimenti per l’articolo molto interessante. Erano anni che cercavo documentazione sulla 130 trasformata da Grazia.

    Reply

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

SEI UN LETTORE?

registrati-ora

SEI UN’AZIENDA?

diventa-partner

X