Training congiunto per esercito e soccorso alpino

Training congiunto per esercito e soccorso alpino

Un’esercitazione notturna, quella che ha visto protagonisti la sera del 6 giugno l’esercito e il soccorso alpino, per un sistema emergency italiano sempre più efficiente. L’esercitazione è avvenuta nello stupendo scenario delle dolomiti bellunesi; lo scopo principale era testare attentamente due elicotteri dell’esercito italiano e provare i visori notturni durante la movimentazione e il trasporto del personale in montagna.

Un allenamento bello tosto che ha visto l’impiego di molte unità; 2 elicotteri dell’esercito AB205 e ben 35 soccorritori provenienti da diverse stazioni del soccorso alpino del bellunese; in primo piano dunque, le tecniche Sar  (Search and Rescue), in situazioni complesse determinate da un ambiente impervio ed ostile. Il gruppo si è ritrovato nel pomeriggio presso Passo Duran, dove il tenente colonnello Graziano Cappello ha spiegato l’operatività degli elicotteri: dall’allertamento agli spostamenti mediante Ngv.

Diversi sono stati dopo il tramonto gli imbarchi effettuati dai soccorritori divisi in 8 gruppi, con tanto di trasporto e sbarco in hovering in quota; alle 23 a causa della forte nebbia purtroppo si è deciso di concludere il training. 

Perché questo tipo di esercitazioni? Non sono mancati quest’inverno interventi che hanno visto il coinvolgimento sia dell’esercito che del soccorso alpino. Lo specifico riferimento è riguardo a due emergenze notturne che hanno visto di recente l’intervento congiunto dei due corpi: il recupero lo scorso ottobre in Val di Fassa di un pilota di parapendio ferito e l’incidente con la motoslitta di una comitiva di turisti russi sul Cermis.

Francesco Nardone, colonnello dell’esercito ha voluto sottolineare le origini del “collegamento istituzionale” fra i due enti, sottolineando la grande robustezza della collaborazione e l’utilità della stessa per la collettività.

La cooperazione tra Corpo Nazionale del Soccorso Alpino e Speleologico e Ministero della Difesa è regolata da un accordo tecnico del 2009 anche se effettivamente la collaborazione è precedente agli anni ’50. In ambiente ostile, il Cnsas richiede l’intervento del Ministero, aeronautica, esercito e marina, e il punto di contatto per l’allertamento è Poggio Renatico a Ferrara. Gli ausili della visione notturna per il soccorso aereo in montagna sono in vigore da una decina di anni. Per il momento esclusivamente per i militari, ma non escludo che in futuro possano essere utilizzati anche nell’aeronautica civile. L’esercitazione di ieri nasce per addestrarsi in funzione di operazioni reali e rientra in un programma annuale predisposto dalla direzione nazionale del Soccorso alpino.

 

L'autore

Emergency Live

Emergency Live is the only multilingual magazine dedicated to people involved in rescue and emergency. As such, it is the ideal medium in terms of speed and cost for trading companies to reach large numbers of target users; for example, all companies involved in some way in the equipping of specialised means of transport. From vehicle manufacturers to companies involved in equipping those vehicles, to any supplier of life- saving and rescue equipment and aids.

Articoli correlati

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

SEI UN LETTORE?

registrati-ora

SEI UN’AZIENDA?

diventa-partner

X