Ferno Italia presenta iNTRAXX: Come si risolvono i principali problemi di spazio e configurazione in una ambulanza?

Pensateci: se doveste fare una lista delle modifiche che vorreste sulle vostre ambulanze a seconda del servizio da effettuare, non vi basterebbe un papiro. Ferno Washington ha pensato ad un nuovo sistema che cambia radicalmente la concezione degil spazi. Si chiama iNTRAXX ed è stato presentato su un’ambulanza italiana a REAS 2017


DSC_8694BRESCIA – Quando si pensa a come realizzare un’ambulanza si pensa sempre e soprattutto ad un modello tradizionale, fatto di cassetti, sportelli, spazi di supporto, gavoni, ripiani. Il modello italiano è chiaro e definito, si discosta da quello francese e da quello tedesco, ma ha delle prerogative: spazi dovunque per ospitare in ambulanza TUTTO quello che è necessario affinché qualsiasi tipo di soccorso sia reso possibile e funzionale. Avere un’ambulanza su misura, da questo punto di vista, non vuol dire avere un’ambulanza perfetta per ogni situazione. Di solito si studia l’ambulanza per farla diventare il supporto migliore possibile per ogni tipo di situazione. Ma non è la stessa cosa. 

Ecco perché Ferno - azienda che da 60 anni pensa e costruisce dispositivi per l’emergenza – ha ribaltato questo concetto con il suo iNTRAXX System. E’ una grande novità pensata perché venisse adeguata a tutti i mercati mondiali. La lunga esperienza nel mondo EMS di Ferno ha fatto nascere questo sistema di guide con fermi a 26G che non hanno eguali, al momento. In Italia, Ferno ha presentato per la prima volta una ambulanza allestita completamente con il sistema iNTRAXX e si può dire che questo è il primo esempio di ambulanza customizzabile in Europa. Il veicolo scelto – allestito con Orion Veicoli Speciali – garantisce la massima personalizzazione, in qualsiasi momento, di tutto il vano sanitario. 

E’ la forza di iNTRAXX e la abbiamo vista durante il REAS, grazie all’aiuto e alla presentazione del “padre” di questo sistema, il responsabile dello sviluppo nel settore ambulanze di Ferno, Tim Schroeder. Nelle sue parole, oltre alla grande passione per questo sistema, sono chiaramente visibili tre grandi funzioni che il sistema iNTRAXX realizza e porta nel mondo dell’ambulanza. 

Un veicolo unico per ogni servizio, sicuro al 100%

frontaleIl sistema iNTRAXX di Ferno garantisce realmente un’ambulanza su misura, in ogni servizio effettuato. Infatti le guide aeronautiche a 26G, certificate EN1789 e con i più rigidi standard americani, garantiscono la possibilità di posizionare gli strumenti elettromedicali, il monitor, i ripiani e gli zaini (veri e propri scaffali personalizzabili) con i kit necessari a qualsiasi servizio. Ogni tipo di strumento o ripiano può essere spostato nel modo più adeguato e utile alle esigenze di quel trasporto.

Ho bisogno di un modulo aggiuntivo di ossigeno per trasporto anziani a lungo raggio? Carico il box bombole aggiuntivo. Ho bisogno di fissare un respiratore neonatale per un trasporto con termoculla? Ho i ganci specifici e posso posizionarli dove ritengo più opportuno. Devo fare supporto a un PMA? Aggancio gli zaini di backup e così raddoppio la mia fornitura sanitaria.Dalla cucchiaio all’ipad, è possibile fissare tutto, in ogni posizione, dentro l’ambulanza. Ferno sta sviluppando anche nuovi sistemi per posizionare i sedili dei soccorritori, perché l’obiettivo è uno solo: garantire la sicurezza totale e l’ancoraggio assoluto di TUTTO ciò che è presente nell’ambulanza, senza nessuna esclusione. Le slitte sono facili e intuitive da utilizzare, e soprattutto garantiscono di personalizzare con un movimento l’ambulanza, al termine di ogni servizio. In un futuro – nemmeno troppo lontano – potrebbero esserci anche nuovi dispositivi medicali che andranno a fissarsi sui ganci ideati da Ferno. Il motto di questo progetto è “Together we can transform delivery of care” e la strada intrapresa sembra davvero promettente. 

  • retro
  • laterale2
  • laterale
  • frontale
  • DSC_8697
  • DSC_8696
  • DSC_8695
  • DSC_8694

Un’ambulanza sanificata perfettamente ad ogni servizio

DSC_8697Il secondo aspetto fondamentale di iNTRAXX è quello di garantire la sanificazione totale di tutto il mezzo, in qualsiasi momento. L’ambulanza all’interno si potrà lavare – praticamente – come succede con gli esterni, perché tutte le strumentazioni elettromedicali possono essere rimosse, lasciando la nuda parete a disposizione degli strumenti di sanificazione. Non è un concetto banale: Ferno Italia ha sviluppato alcuni studi, che saranno pubblicati in futuro, riguardo al tema della sanificazione. Non a caso è stato scelto l’interno Pure Health di Orion, che genera un connubio di capacità igenizzanti assolutamente ineguagliato, oggi, in Italia. Sganciare tutto e pulire l’interno dell’ambulanza come se fosse l’esterno, è un plus non da poco per chi deve operare rapidamente cambi di utilizzo. Forse oggi non ci rendiamo ancora abbastanza conto del fatto che trasporare un immunodepresso dopo aver portato in ospedale un malato infettivo grave, può essere un fatto peggiorativo nelle condizioni di salute di un paziente. E la soluzione è garantire massima igenizzazione, sempre.

Un mezzo con intelligenza artificale, grazie ad Ace Tech

L’aggancio a 26G di iN∫TRAXX è un sistema unico, ma può essere supportato da un’altra grande innovazione, ovvero il sistema Ace Tech. L’ambulanza realizzta da Ferno infatti è anche dotata di un sistema di intelligenza artificiale che tiene memoria della configuazione del mezzo, e permette quindi di sapere se abbiamo a bordo tutto quello che ci serve e in che stato di carica si trova. Inoltre abbiamo un avviso nel caso in cui il soccorritore si sia dimenticato qualcosa nella residenza del paziente o in mezzo alla strada. Per non parlare del tracking e dell’aiuto alla guida dell’autista soccorritore. Il sistema Ace Tech infatti registra e cerca di suggerire un miglioramento delle prestazioni di percorrenza, per ridurre i consumi ma garantire sempre un’ottima velocità di percorrenza sul tragitto paziente-ospedale. 

Non è quindi solo un’innovazione nella sicurezza: c’è molto di più. Anche dal punto di vista dei costi, un sistema come iNTRAXX permette di avere sotto controllo in maniera più efficace la quantità di materiali sanitari usati (dato che ogni zaino-scaffale è sganciabile e controllabile, e con il sistema Ace Tech c’è un database unico per la check-list) e avere comodamente la possibiltà di sostituire quello che non funziona, dalla bombola al defibrillatore, senza timore di doverlo lasciare “non legato” sul mezzo di emergenza.


Per avere maggiori informazioni sul sistema iNTRAXX potete contattare FERNO ITALIA tramite questo link

L'autore

Emergency Live

Emergency Live is the only multilingual magazine dedicated to people involved in rescue and emergency. As such, it is the ideal medium in terms of speed and cost for trading companies to reach large numbers of target users; for example, all companies involved in some way in the equipping of specialised means of transport. From vehicle manufacturers to companies involved in equipping those vehicles, to any supplier of life- saving and rescue equipment and aids.

Articoli correlati

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

BANNER_GUIDASICURA_AMBULANZA

X