11 settembre, dopo 13 anni alle celebrazioni si affianca la guerra

11 settembre, dopo 13 anni alle celebrazioni si affianca la guerra

Oggi è il giorno della memoria per gli Stati Uniti. 13 anni fa le Torri Gemelle crollavano sotto il peso di un attacco terroristico senza precedenti. Migliaia di persone perirono, centinaia di soccorritori diedero la propria vita per salvare quella del prossimo, e il mondo precipitò per 4 giorni in un block-out totale. Oggi, 13 anni dopo, la lotta al terrorismo deve per forza riprendere forma. A causa della minaccia internazionale dell’ISIL, il califfato islamico che attacca l’occidente, ne uccide i giornalisti, e opprime popolazioni intere, facendo scempio della convivenza fra popoli. Gli Stati Uniti, ieri sera, con il Presidente Barack Obama, hanno dichiarato guerra al califfato che si dichiara “islamico”. Ma – come ha detto Obama nel suo discorso – “non c’è nulla di islamico nell’opprimere popoli, schiavizzare bambini, violentare donne o uccidere giornalisti”.
Per questo la giornata del ricordo, la più importante per gli Stati Uniti, diventa una giornata di riflessione sul futuro di questa guerra, che non è terminata con le operazioni in Iraq e Afghanistan, e che sembra non vedere ancora all’orizzonte la parola fine.

 

L'autore

Emergency Live

Emergency Live is the only multilingual magazine dedicated to people involved in rescue and emergency. As such, it is the ideal medium in terms of speed and cost for trading companies to reach large numbers of target users; for example, all companies involved in some way in the equipping of specialised means of transport. From vehicle manufacturers to companies involved in equipping those vehicles, to any supplier of life- saving and rescue equipment and aids.

Articoli correlati

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

SEI UN LETTORE?

registrati-ora

SEI UN’AZIENDA?

diventa-partner

X