Accesso intraosseo, tecnica salvavita nella gestione dello shock in emergenza

Accesso intraosseo, tecnica salvavita nella gestione dello shock in emergenza

Indipendentemente da quale sia la causa che lo determina uno shock è caratterizzato da ipoperfusione tissutale, che determina ipotensione, cambiamenti nello stato di coscienza, una riduzione della diuresi dall’oliguria fino all’anuria.

La gestione di una tale urgenza prevede il ripristino dei liquidi e la somministrazione di farmaci vasoattivi.

Accesso intraosseo: una tecnica salvavita

La gestione dello shock prevede il reperimento di almeno un accesso venoso di grosso calibro. Tuttavia, in emergenza urgenza, vi sono situazioni in cui il paziente non dispone di un patrimonio venoso tale da consentire il posizionamento di un agocannula in tempi brevissimi (meno di 90 secondi).

Ciò è molto comune durante lo shock, in questi casi, una strategia che si è rivelata un vero e proprio salva vita è l’accesso intraosseo. Attraverso la via intraossea è possibile somministrare qualunque tipo di farmaco e fluido compresi sangue e plasma, ed è possibile eseguire prelievi ematici.

Le dosi di farmaco che possono essere somministrate attraverso l’accesso intraosseo si equivalgono a quelle per via endovenosa; è necessario, in ogni caso, eseguire, dopo l’infusione di ogni farmaco, un bolo di 5 ml di soluzione fisiologica.

Il kit è composto dall’ago, da una linea di connessione (Ez Connect ad esempio) che va riempita con soluzione fisiologica prima di procedere al posizionamento dell’ago; una siringa che viene collegata alla linea di connessione, e dal trapano su cui si innesta l’ago.

Una corretta tecnica riduce il rischio di complicanze.

Il sito idoneo deve essere di facile accesso e semplice da monitorare. In letteratura i siti più utilizzati sono la tibia, prossimale e distale, il femore, l’omero e il radio.

L’ago, dopo aver disinfettato il sito di inserzione, va inserito con un’angolatura di 90° rispetto all’osso; una volta inserito l’ago, si disconnette il trapano, si stabilizza l’ago e si rimuove il mandrino, infine si collega la linea di connessione, dalla quale sarà possibile effettuare l’infusione.

Il tipo di ago (da 15 mm, 25 mm o 45 mm) è in rapporto al peso del paziente e alla presenza di tessuti molli (si utilizza l’ago da 45 mm per i pazienti con peso > di 40 Kg).

Le controindicazioni al posizionamento di un ago per via intraossea sono:

  • fratture e precedenti interventi ortopedici in prossimità del sito di accesso
  • accesso intraosseo nelle 24 ore precedenti
  • eventuale infezione a livello del sito di inserimento
  • impossibilità di individuare il sito di inserimento.

Si possono tuttavia riscontrare delle complicanze, quali:

  • dislocazione dell’ago
  • ostruzione dell’ago dopo l’inserimento
  • stravaso di liquido
  • infezione del sito e le fratture ossee

Per evitare tali complicanze, l’ago deve essere inserito in modo asettico, devono essere effettuati un controllo di eventuale stravaso successivo all’inserimento ed una corretta rimozione dell’ago a seguito del reperimento di un altro accesso venoso periferico o centrale, e comunque mai oltre le 24 ore.

Fonte

L'autore

Emergency Live

Emergency Live is the only multilingual magazine dedicated to people involved in rescue and emergency. As such, it is the ideal medium in terms of speed and cost for trading companies to reach large numbers of target users; for example, all companies involved in some way in the equipping of specialised means of transport. From vehicle manufacturers to companies involved in equipping those vehicles, to any supplier of life- saving and rescue equipment and aids.

Articoli correlati

1 Comment

  1. Pingback: Accesso intraosseo, tecnica salvavita nella gestione dello shock in emergenza - Humanitas Scandicci

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

BANNER_GUIDASICURA_AMBULANZA

X