Aeronautica: trasportate nella notte due donne in attesa di trapianto

Aeronautica: trasportate nella notte due donne in attesa di trapianto

Notte di lavoro intensa per gli equipaggi del 31° Stormo dell’Aeronautica Militare in prontezza per trasporti sanitari di urgenza, una sorta di ‘ambulanze del cielo’, 24 ore su 24 a disposizione dei cittadini su richiesta delle Prefetture e degli ospedali sul territorio nazionale.

La prima richiesta è giunta in serata dalla Prefettura di Catanzaro per il trasporto da Lamezia a Palermo di una donna di 50 anni in attesa di trapianto presso l’Istituto Mediterraneo per Trapianti e Terapie ad Alta Specializzazione (ISMET) di Palermo. Poco prima della mezzanotte, la Sala Situazioni del Comando Squadra Aerea di Roma, su indicazione della Presidenza del Consiglio dei Ministri, ha quindi ordinato il decollo di un Falcon 900 del 31° Stormo di Ciampino, che dopo aver fatto scalo a Lamezia per imbarcare la paziente, ha raggiunto intorno alle due di notte lo scalo civile del capoluogo siciliano.

Lo stesso aereo, dopo il rientro a Ciampino, è ridecollato intorno alle ore quattro del mattino per una nuova missione di trasporto, in questo caso su disposizione della Prefettura di Roma a favore di una donna, una sessantenne, anche lei in attesa di trapianto. Alle 4.40 circa il velivolo è giunto a Bologna, da dove la donna è stata poi trasportata stato al Policlinico Sant’Orsola.

Sono quotidiane – e già numerose in questo inizio di 2015 – le occasioni di intervento degli aeromobili dell’Aeronautica Militare per missioni di pubblica utilità, quali il trasporto sanitario d’urgenza di ammalati, di traumatizzati gravi e di organi per trapianti, nonché per interventi a favore di persone comunque in situazioni di rischio. L’ultima in ordine di tempo proprio del 31° Stormo, alle prime ore di ieri, sabato 17, per il trasporto di un’equipe medica dell’Azienda Ospedaliera di Pisa incaricata di eseguire l’espianto di un organo da una persona deceduta presso l’ospedale di Lamezia. Si tratta di una delle tipologie di intervento ‘salva-vita’ che possono essere eseguite dagli equipaggi dell’Aeronautica Militare cosiddetti in “pronto impiego”, ovvero ventiquattr’ore al giorno, 365 giorni all’anno.

La prima missione dell’anno, ad esempio, è stata condotta il 5 gennaio dagli equipaggi della 46^ Brigata Aerea di Pisa, altro reparto sempre in prima linea per esigenze sanitarie ed umanitarie, impegnati in questo caso a trasportare – direttamente a bordo di un’ambulanza attrezzata caricata a bordo del velivolo – un bambino di appena un mese, ricoverato presso il reparto di neonatologia dell’ospedale civile di Sassari, per il quale si è reso necessario il trasporto immediato al Gaslini di Genova.

L'autore

Articoli correlati

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

SEI UN LETTORE?

registrati-ora

SEI UN’AZIENDA?

diventa-partner

X