Arriva Apollo 4, il drone salvavita!

Per la prima volta in Italia sulla spiaggia di Levante di Caorle ha debuttato «Apollo 4», il drone salvavita che questa estate sarà sperimentale (la legislazione non consente di fare altro) per essere a regime nel 2018.

Per il primo impiego di Apollo 4, azienda sanitaria e Regione hanno organizzato il soccorso simulato a una persona colta da arresto cardiaco in spiaggia, una simulazione che ha richiamato una folla di curiosi al termine della quale hanno applaudito i soccorritori. L’importanza della velocità di intervento in questi casi, determinante, oltre che a salvare la vita a una persona, a evitare conseguenze fisiche permanenti. I cardiologi lo ripetono da anni: la salvezza è data dalla velocità, dopo 5 minuti in assenza di battito cardiaco la persona è destinata a morire.

Il drone coprirà un tratto di arenile di circa 2 chilometri e potrà atterrare al fianco delle torrette di salvataggio dove verranno allestite apposite piazzole contraddistinte dal logo internazionale dell’emergenza.

Il drone salvavita può essere inviato in qualsiasi punto dell’arenile, su richiesta della rete dei bagnini di salvataggio, tutti addestrati a usare il defibrillatore che arriva dal cielo. A pilotarlo è personale abilitato di Caorlespiaggia, presente tutto il giorno sull’arenile dell’area «White Oasis», dov’è stata allestita una piazzola di decollo con al centro la croce internazionale dell’emergenza.

Il “drone salvavita”, velivolo,dal peso di circa 4 chili, georeferenziato, con scatola nera, utilizza 4 motori potenziati per acconsentire il trasporto di un defibrillatore a una velocità di circa 45 chilometri; è fornito di batterie ricaricabili e di un sistema di guida Gps a tripla ridondanza, può volare sino a 2.000 metri d’altezza massima dal suolo e con vento a 30 chilometri l’ora. La stessa società fornirà il supporto per l’utilizzo del drone, sia nel pilotaggio (con personale formato e certificato) e sia nell’utilizzo del defibrillatore mediante, appunto, il proprio personale addetto al servizio di salvataggio.

Fonti:

1

2

3

 

L'autore

Articoli correlati

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

BANNER_GUIDASICURA_AMBULANZA

X