Bufale sanitarie: “La gara degli aghi è inventata, accuse false”. Querelato il medico della denuncia

Bufale sanitarie: “La gara degli aghi è inventata, accuse false”. Querelato il medico della denuncia

SIRINGA_OKLa gara a chi procura più dolore sul paziente denunciata nei giorno scorsi a Vicenza è una bufala che sarà chiarita in tribunale. Dopo soltanto 15 giorni di procedimento interno e di verifica è stato infatti dimostrato ampiamente che non è mai esistita una gara “a chi usava l’ago più grosso” fra medici e infermieri all’interno del 118 del Pronto Soccorso di Vicenza, all’ospedale S.Bortolo. Le accuse sono state “disintegrate” in pochi passaggi da prove inconfutabili, che hanno così permesso l’immediata archiviazione dei procedimenti richiesti per i dipendenti innocenti.

La notizia odierna però è relativa alle attività che il Nursind, rappresentato dal Segretario Nazionale Andrea Bottega, metterà in atto nei prossimi giorni. Per mezzo dell’avv. Lino Roetta, infatti è stato ipotizzato il reato di falsità ideologica in atto pubblico, reato che secondo il Nursind potrebbe aver commesso il primario che dichiarò a verbale fatti non corrispondenti al vero. Per questa ragione il Sindacato delle Professioni Infermieristiche ha deciso di querelare il primario che denunciò il fatto, riconoscendo nel suo comportamento il palese intento di voler danneggiare e infangare la reputazione degli 8 dipendenti del Pronto Soccorso. Secondo il Nursind “la condotta di questo professionista ha prodotto un sicuro danno all’intero reparto, al nosocomio e a tutta l’azienda sanitaria vicentina”.

Di seguito riportiamo il comunicato stampa integrale sulla vicenda del Nursind:

Vicenza, 1 maggio 2016. “Con la diffusione dell’esito del procedimento disciplinare di uno degli interessati, in linea con quelli elaborati per gli altri, intendiamo far comprendere una volta per tutte all’opinione pubblica come si sono svolti i fatti. Non abbiamo alcun dubbio che si arriverà alla verità per i dipendenti del pronto soccorso di Vicenza, oggetto di accuse false ed infondate”. Con queste parole il segretario nazionale del Nursind, Andrea Bottega ed il segretario provinciale Andrea Gregori fanno definitivamente chiarezza sulla vicenda che nei giorni scorsi ha scosso la Sanità vicentina arrivando alle prime pagine ed ai Tg nazionali.

Il Nursind, infatti, con la diffusione alla stampa del provvedimento dell’Ulss 6 di Vicenza ha fatto un’operazione di trasparenza, perché sulla vicenda non reputa ci sia nulla da temere. Così viene prodotto il documento ufficiale di chiusura del procedimento, che non è la versione dei fatti dal punto di vista del sindacato, bensì dell’Azienda Ulss 6 di Vicenza. “Dalla documentazione aziendale, ribadiamo non sindacale – aggiungono Bottega e Gregori – si evince chiaramente che le accuse rivolte sono frutto di una intenzionale volontà di riferire circostanze non vere. Questo è quanto è stato accertato dall’Azienda dopo mesi di indagini. L’ipotesi di una gara, il pensiero di una sfida è stato presente solo nella mente di chi ha accusato. Convocati a gennaio ed ignari di cosa fossero chiamati a rispondere, i dipendenti hanno negato la versione dei fatti che si voleva loro attribuire. Non c’è stata la volontà di ascoltare, bensì solo quella di colpire indipendentemente dalla verità”.

Chiarezza è fatta, dunque, ma ora la vicenda dovrà trasferirsi dalle accuse false mosse ai lavoratori a chi, in modo subdolo, ha posto in atto una condotta che ha esposto ad un grave danno all’immagine l’Ospedale civile di Vicenza e l’intero complesso della Sanità veneta. “Non accettiamo lezioni morali – sottolinea Bottega – da chi è disposto a dichiarare il falso per accusare degli innocenti. Questo è il vero comportamento che andrebbe sanzionato disciplinarmente nel rapporto di lavoro, come previsto dall’art. 55 bis comma 7 e dal punto di vista ordinistico. I politici onesti, invece, dovrebbero prendere le distanze da chi mente sapendo di mentire. È auspicabile, poi, che i cittadini, accertati i fatti come è successo, facciano sentire la vicinanza a chi ogni giorno si sacrifica per tutelare la loro salute”.

Il Nursind è chiaro: “chi oggi chiede l’allontanamento di queste persone accusate falsamente sa di farlo ad indagine chiusa, cioè quando è stata accertata la mancanza di reati, di condotte censurabili e di inadempienze lavorative. Perché salvare chi falsamente produce prove a scapito di altri e condannare chi è stato definitivamente scagionato da ogni accusa?

A chi chiede punizioni esemplari si fa presente che gli otto professionisti sono già stati giudicati ed assolti. Chi non è ancora stato giudicato, invece, è chi ha dichiarato il falso, chi infanga il buon nome della Sanità pubblica, dell’Ospedale di Vicenza e dei suoi dipendenti non merita onori”.

Non è il Nursind, quindi, che “assolve” gli infermieri, ma la stessa Azienda Ulss 6 di Vicenza, che ha verificato i fatti ed accertato la verità inequivocabilmente. Parlano i documenti, le registrazioni, le testimonianze. Se ci fosse stata una minima ipotesi di reato, l’Azienda avrebbe trasmesso tutto in procura, ma così non è accaduto, perché le accuse erano false e nessun gioco ai danni dei pazienti si è mai verificato. “Il resto è chiacchiera infamante il cui conto, speriamo, per la credibilità della politica, dell’amministrazione pubblica e delle istituzioni nei confronti dei cittadini, sarà chiesto a chi ne è responsabile. Rimane ancora oggetto di indagine il motivo per cui a distanza di mesi – concludono Bottega e Gregori – la settimana successiva all’archiviazione dei procedimenti, qualcuno ha costruito un caso mediatico non a tutela dei cittadini, dato che la falsità delle accuse è stata già provata, bensì per colpire i dipendenti e l’immagine dall’Ospedale di Vicenza. Confidiamo che la stampa libera e gli ispettori regionali diano una risposta alla cittadinanza tutta, perché è interesse di che emerga chi dice la verità”.

L'autore

Emergency Live

Emergency Live is the only multilingual magazine dedicated to people involved in rescue and emergency. As such, it is the ideal medium in terms of speed and cost for trading companies to reach large numbers of target users; for example, all companies involved in some way in the equipping of specialised means of transport. From vehicle manufacturers to companies involved in equipping those vehicles, to any supplier of life- saving and rescue equipment and aids.

Articoli correlati

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

SEI UN LETTORE?

registrati-ora

SEI UN’AZIENDA?

diventa-partner

X