Cade elicottero nell’Artico: morta squadra d’élite di esploratori canadesi

Cade elicottero nell’Artico: morta squadra d’élite di esploratori canadesi

Un incidente decapita il vertice degli esploratori artici canadesi. Marc Thibault, capitano della nave scientifica CCGS Admunsen, punta di diamante della ricerca artica canadese, è morto quando l’elicottero su cui perlustrava la zona, pilotato da Daniel Dubè, si è inabissato nelle acque dello stretto di McClure, proprio di fronte all’isola di Banks Island, nell’artico occidentale.

Con loro è scomparso lo scienziato Klaus Hocheim, uno dei massimi esperti tedeschi specializzati nelle esplorazioni artiche. L’incidente è accaduto durante un sopralluogo per individuare la migliore rotta che la nave avrebbe dovuto seguire durante l’esplorazione di una zona remota dell’artico a oltre 600 chilometri dall’ultimo avamposto abitato in territorio canadese, la base di Resolute Nunavut. Le condizioni meteo ottimali e la lunga esperienza del pilota, uno specialista Artico con trent’anni di volo sulle spalle, fanno credere che la causa principale dell’incidente sia da ricercare in un guasto meccanico.

I soccorsi sono stati portati dalla stessa nave Admunsen, che ha raggiunto il luogo dello schianto e ha recuperato due delle tre vittime. Il mare, in quel punto, è profondo circa 420 metri. Immediata la cancellazione della missione scientifico/esplorativa della nave, che avrebbe dovuto fare ritorno nel porto di Quebec City alla metà di ottobre, secondo i piani, dopo un’intensa attività di campionamento.

Michael Byers, professore dell’Università della British Columbia e grande esperto delle esplorazioni artiche, già passeggero in due occasioni della nave Amundsen, sottolinea la pericolosità dell’acqua artica e della sua temperatura rigida. “Durante i brefing pre-volo -dichiara- i piloti di elicottero sono molto espliciti con i passeggeri: in caso di atterraaggio di emergenza, non bisogna per nessun motivo bagnarsi. Anche in caso di sopravvivenza all’ammaraggio, si può rimanere esposti solo per poco tempo alle rigide temperature”.

 

 

 

 

L'autore

Emergency Live

Emergency Live is the only multilingual magazine dedicated to people involved in rescue and emergency. As such, it is the ideal medium in terms of speed and cost for trading companies to reach large numbers of target users; for example, all companies involved in some way in the equipping of specialised means of transport. From vehicle manufacturers to companies involved in equipping those vehicles, to any supplier of life- saving and rescue equipment and aids.

Articoli correlati

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

SEI UN LETTORE?

registrati-ora

SEI UN’AZIENDA?

diventa-partner

X