Cosa sappiamo ufficialmente dell’attentato a Manchester dove sono morti 22 ragazzi

Cosa sappiamo ufficialmente dell’attentato a Manchester dove sono morti 22 ragazzi

La fonte ufficiale più attentibile, la Polizia di Manchester, ha diffuso stamane un comunicato dove si attestano 22 morti – fra cui dei ragazzi – e 59 feriti dopo l’attentato di ieri sera al concerto di Ariana Grande, alla Victoria Arena.

MILANO – Sono ancora poche e frammentarie le informazioni che abbiamo in merito all’attentato suicida avvenuto ieri sera nel cuore di Manchester, durante il concerto della pop star Ariana Grande. E’ il più terrificante attentato che sia mai stato affrontato a Manchester, e a dirlo è stato in particolare il capo della GM Police. Il motivo è semplice: al concerto erano presenti migliaia di ragazzini, e più di un soccorritore, poliziotto, paramedico o Vigile del Fuoco, si è trovato ad intervenire in una zona dove poteva trovarsi anche il figlio.
Il numero dei morti è salito a 22, e fra di loro ci sono dei ragazzi minorenni. L’attentatore – presumibilmente un kamikaze suicida – è morto nell’esplosione.
“Tutti i nostri pensieri vanno alle 22 vittime che sappiamo essere perite nell’esplosione, e ai 59 feriti che sono stati curati negli ospedali della zona, e a tutti i familiari coinvolti. Continuiamo a dare a chi ha necessità ogni supporto. Gli 8 ospedali di Greater Manchester sono attivi per rimettere in contatto i feriti con i parenti.

La Polizia sta procedendo con un’investigazione molto rapida, sia con personale in pattuglia in tutta la città che con ufficiali armati dove necessario. Più di 400 poliziotti sono coinvolti nell’operazione che è iniziata questa notte. Ricordiamo come si è svolta la vicenda: siamo stati attivati alle ore 10.33 con una chiamata di emergenza in merito ad una esplosione alla Manchester Arena alla fine del concerto di ariana Grande. Più di 250 chiamate sono arrivate al numero di emergenza e le ambulanze sono arrivate molto rapidamente sulla scena. Un numero di emergenza è disponibile per chiunque abbia necessità di sapere se chi è stato al concerto stia bene o meno: 0161 856 9400 oppure 0161 856 9900 (per gli italiani l’ambasciata in inghilterra è contattabile al 00442073122200).

Secondo le informazioni in possesso della Polizia di Greater Manchester l’attacco terroristico è stato condotto da un uomo e la priorità ora è stabilire se ha condotto il suo attacco da solo o come parte di un network. Secondo le prime informazioni è confermato che l’attentatore è morto durante l’esplosione che ha causato la carneficina atroce. Non vogliamo speculare sui dettagli o condividere il nome. E’ in corso una investigazione complessa e molto ampia. La priorità è quella di lavorare con il consiglio nazionale anti-terrorismo e i servizi di intelligence dell’Inghilterra, per stabilire meglio quali sono i dettagli relativamente a chi ha condotto l’attacco.

L'autore

Emergency Live

Emergency Live is the only multilingual magazine dedicated to people involved in rescue and emergency. As such, it is the ideal medium in terms of speed and cost for trading companies to reach large numbers of target users; for example, all companies involved in some way in the equipping of specialised means of transport. From vehicle manufacturers to companies involved in equipping those vehicles, to any supplier of life- saving and rescue equipment and aids.

Articoli correlati

1 Comment

  1. Pingback: Cosa sappiamo ufficialmente dell’attentato a Manchester dove sono morti 22 ragazzi - Humanitas Scandicci

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

BANNER_GUIDASICURA_AMBULANZA

X