CRI, il presidente Rocca sul rogo del camper a Roma: “Ancora si muore di esclusione sociale e di stigma”

CRI, il presidente Rocca sul rogo del camper a Roma: “Ancora si muore di esclusione sociale e di stigma”

In seguito al rogo del camper a Centocelle, Roma, il presidente nazionale della Croce Rossa Italiana, Francesco Rocca ha dichiarato come “Ancora si muore di esclusione sociale e di stigma”. Emergency Live riceve e pubblica il seguente comunicato che riporta il pensiero del presidente Rocca riguardo la tragedia.

Non è la prima volta che piangiamo la morte di bambini in un rogo di un camper o di un accampamento di fortuna. A febbraio 2011 quattro bambini erano morti in un rogo dentro un campo rom, oggi ci troviamo a commentare un’ennesima tragedia dove hanno perso la vita tre sorelle di quattro, otto e venti anni. A Roma, come in tante altre parti d’Italia, si continua a morire di esclusione sociale e di stigma. Invece di versare lacrime amare dopo le tragedie, le Istituzioni dovrebbero moltiplicare gli sforzi per arrivare nelle troppe zone grigie della nostra società, dove vivono gli ultimi, gli esclusi, i vulnerabili, gli invisibili. Sto parlando delle popolazioni di etnia rom, come dei senza fissa dimora, dei nuovi poveri o dei migranti fuori dai percorsi di integrazione: c’è bisogno di lavorare su una società più coesa e solidale, dove ci siano sia regole e sicurezza sia inclusione e ascolto. Oggi piangiamo le tre sorelle morte in un camper, ma servono azioni concrete per evitare drammi di questo tipo nel futuro

Fonte: Ufficio Stampa Croce Rossa Italiana Comitato Nazionale

 

 

L'autore

Sonia Mon

Editor ad Emergency Live dal 2016. Si occupa principalmente della versione francese del nostro sito web.

Articoli correlati

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

BANNER_GUIDASICURA_AMBULANZA

X