Criteri e standard per il 112. Cosa manca ancora? La volontà, come a Brescia

Criteri e standard per il 112. Cosa manca ancora? La volontà, come a Brescia

Il NUE112 in Italia appare ancora oggi una chimera. Nonostante ci siano risorse economiche, competenze tecniche, capacità degli operatori e voglia di collaborare, il passaggio dal 118 al 112 sembra ormai un’utopia, macchiata da miraggi di funzionalità dove – precisamente in Lombardia – pochissima volontà politica e tanta pressione dal mondo dell’emergenza hanno fatto fare un salto che sembrava impossibile e invece,  è risultato più facile del previsto. Riprendiamo – per fare il punto sulla situazione – una relazione molto dettagliata dell’IPASVI di Brescia. Scegliamo proprio questa relazione perché ieri è stata proprio la provincia lombarda affacciata sul Lago di Garda a “dirottare” tutti i numeri di emergenza sul 112. Una rivoluzione che spaventa un po’ i cittadini ma che in realtà migliora il sistema di risposta complessivo.

Il 112, che sostituisce il 118, il 155 e il 113, dalle 14 di martedì diventa operativo infatti anche a Brescia. Per segnalare qualsiasi tipo di emergenza ora basterà comporre queste tre cifre (che un tempo caratterizzavano solo la chiamata ai carabinieri), e, dall’altra parte della cornetta, un operatore smisterà le chiamate in base al tipo di necessità (sanitaria, segnalazione di cronaca nera o di incidenti, ecc…). Con l’avvio del Nue 112 a Brescia chiude la sala operativa del 118 che invece fa capo a Bergamo. La centrale, già attiva alla caserma Goito di Brescia per le province di Lodi, Pavia, Cremona, Mantova e Sondrio, dovrà affrontare una mole stimata in quasi 5mila telefonate al giorno.

La chiusura di tutte le Centrali Operative (113 Polizia – 112 Carabinieri – 115 VVFF) con relative diramazioni dei singoli Enti e Corpi vari dello Stato o dell’amministrazione Provinciale/Regionale che sono preposti al Soccorso Pubblico ed Emergenza, non garantirebbe un risparmio economico, ma sicuramente un vantaggio operativo altissimo, in grado di valorizzare le competenze, l’efficacia e l’efficienza delle varie forze dell’ordine, oltre che dando maggiore soddisfazione all’utenza con importanti margini di sicurezza.

L'autore

Emergency Live

Emergency Live is the only multilingual magazine dedicated to people involved in rescue and emergency. As such, it is the ideal medium in terms of speed and cost for trading companies to reach large numbers of target users; for example, all companies involved in some way in the equipping of specialised means of transport. From vehicle manufacturers to companies involved in equipping those vehicles, to any supplier of life- saving and rescue equipment and aids.

Articoli correlati

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

SEI UN LETTORE?

registrati-ora

SEI UN’AZIENDA?

diventa-partner

X