E’ morto l’ultimo pediatra di Aleppo, in Siria

E’ morto l’ultimo pediatra di Aleppo, in Siria

Sono il dottor Hatem, il direttore dell’Ospedale pediatrico di Aleppo. La scorsa notte, 27 persone fra personale medico e pazienti sono stati uccisi in un attacco aereo che ha colpito il vicino ospedale di Al Quds. Il mio amico dottor Muhammad Waseem Maaz, il pediatra più qualificato della città, è stato ucciso durante l’attacco. 

Lui abitualmente lavorava presso l’Ospedale pediatrico durante il giorno, mentre durante la notte prestava servizio presso la struttura di Al Quds, dove si occupava delle emergenze. 

Il dottor Maaz e io trascorrevamo sei ore al giorno insieme. Era cordiale, amichevole e aveva l’abitudine di scherzare molto con tutto il personale. Era il medico più amabile del nostro ospedale.

Ora mi trovo in Turchia e anche lui avrebbe dovuto far visita alla sua famiglia qui dopo il mio ritorno ad Aleppo. Non li vedeva da quattro mesi.

Nonostante tutto, il dottor Maaz è rimasto ad Aleppo, la città più pericolosa del mondo, per devozione verso i suoi pazienti. Gli ospedali sono spesso tra i bersagli dalle forze governative e dalle forze aeree russe. 

Giorni prima che un raid aereo spazzasse via la vita del dottor Maaz, un altro attacco aereo era stato registrato a soli duecento metri dal nostro ospedale. Quando i bombardamenti si intensificano, il personale medico si ripara al piano terra dell’ospedale portando con sé le incubatrici con i neonati al loro interno, per proteggerli. 

Come tante altre vittime, il dottor Maaz è stato ucciso per aver salvato delle vite umane. Oggi vogliamo ricordare la sua umanità e il suo coraggio. Speriamo che questa storia possa essere condivisa, in modo che altri possano sapere che cosa sono costretti ad affrontare i medici ad Aleppo e in tutta la Siria. 

Oggi la situazione è critica, e Aleppo stessa potrebbe essere presto messa sotto assedio. Abbiamo bisogno che il mondo guardi. 

Grazie per mantenerci nei vostri pensieri

Dr. Hatem 

Questa lettera è stata scritta dal dottor Hatem, medico e collega del pediatra ucciso insieme ad altri cinque medici in un raid aereo ad Aleppo, che ha colpito alla mezzanotte di mercoledì 27 aprile una struttura ospedaliera di Medici senza Frontiere.

Secondo gli ultimi dati forniti dall’organizzazione non governativa, nel 2015 sono stati 150 gli attacchi contro le cliniche e gli ospedali in Siria, mentre dall’inizio del 2016 a oggi sono stati colpiti 14 ospedali. 

(Il dottor Maaz visita una piccola paziente dell’ospedale pediatrico di Aleppo nel febbraio del 2016)

 

L'autore

Emergency Live

Emergency Live is the only multilingual magazine dedicated to people involved in rescue and emergency. As such, it is the ideal medium in terms of speed and cost for trading companies to reach large numbers of target users; for example, all companies involved in some way in the equipping of specialised means of transport. From vehicle manufacturers to companies involved in equipping those vehicles, to any supplier of life- saving and rescue equipment and aids.

Articoli correlati

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

SEI UN LETTORE?

registrati-ora

SEI UN’AZIENDA?

diventa-partner

X