Emergenza e accoglienza, Italia modello Europeo grazie ad Anpas

Emergenza e accoglienza, Italia modello Europeo grazie ad Anpas
Italia Assistenza AnpasLe linee guida Anpas per la gestione dei campi di accoglienza ed emergenza temporanei aiuteranno i volontari e i professionisti europei a gestire i gruppi vulnerabili in tutto il continente. La presentazione oggi a Bruxelles alla Direzione Generale per gli Aiuti Umanitari
Sono state presentate oggi, 26 gennaio, a Bruxelles, alla presenza della direzione generale per gli Aiuti umanitari e la protezione civile dell’Unione Europea (DG Echo), le linee guida sulla gestione degli affari sociali all’interno dei campi di emergenza temporanei
Anpas multiculturaleIn un’Europa che muta continuamente, per fattori demografici e sociali, in caso di emergenza, la risposta della macchina d’emergenza deve focalizzarsi in prima linea su quelle persone che hanno maggiori difficoltà, in particolare se ospitate in campi di emergenza temporanei o strutture gestite dalle autorità o dai volontari. Nasce quindi una necessità non solo dalla risposta all’emergenza, ma anche per la gestione di questioni sociali che nascono e maturano all’interno dei campi o ricoveri di emergenza temporanea. Su questi fenomeni hanno lavorato cinque organizzazioni che si occupano di protezione civile in Europa e hanno elaborato e testato una serie di linee guida utili per tutti i volontari e professionisti coinvolti nel meccanismo di protezione civile. Capofila di questo percorso è stata Anpas che con il progetto Samets (in italiano gestione degli affari sociali all’interno dei campi di emergenza temporanei) per incrementare la resilienza al disastro delle persone coinvolte, soprattutto quelle più vulnerabili come bambini, anziani e persone con disabilità, gruppi multiculturali. Sicurezza, coinvolgimento, professionalità informazione, empatia: questi sono alcune delle indicazioni presenti nelle linee guida, elaborate da uno staff di medici, psicologi, formatori, disaster manager e ingegneri.
La presenza di famiglie e di popolazioni di paesi terzi, ma anche di persone vulnerabili quali disabili ed anziani, richiede un approccio diverso nella gestione della vita quotidiana nei campi di emergenza temporanei (CET) e la recente esperienza che ha visto coinvolta l’Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze nella gestione dei campi di emergenza dopo il terremoto in Emilia Romagna del 2012 ha dimostrato l’esigenza di un’adeguata preparazione dei volontari e dei professionisti.
Recupero InfanziaIl progetto SAMETS, già vincitore del Samaritan International AWARD come miglior progetto di cooperazione nel 2014 è stato presentato oggi, 26 gennaio, a Bruxelles alla presenza della direzione generale per gli Aiuti umanitari e la protezione civile dell’Unione Europea (DG Echo). Per ciascuna delle tipologie di gruppi più vulnerabili sono state scritte delle linee guida al fine aiutare e facilitare il lavoro dei team della protezione civile, dei professionisti e dei volontari a gestire queste necessità.
“Anpas ha trasformato in lezione quanto appreso nella gestione dei campi allestiti in occasione dei terremoti in Emilia Romagna” dichiara Fabrizio Pregliasco, presidente Anpas. “La sensibilità verso i più deboli è una peculiarità della storia delle associazioni coinvolte, come la consapevolezza che devono agire con la massima competenza in ogni occasione”.

L'autore

Emergency Live

Emergency Live is the only multilingual magazine dedicated to people involved in rescue and emergency. As such, it is the ideal medium in terms of speed and cost for trading companies to reach large numbers of target users; for example, all companies involved in some way in the equipping of specialised means of transport. From vehicle manufacturers to companies involved in equipping those vehicles, to any supplier of life- saving and rescue equipment and aids.

Articoli correlati

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

SEI UN LETTORE?

registrati-ora

SEI UN’AZIENDA?

diventa-partner

X