FIRE SCHOOL 2017 – Le dichiarazioni al convegno

FIRE SCHOOL 2017 – Le dichiarazioni al convegno

MARIA PIA GARAVAGLIA – Presidente Istituto Dermopatico dell’Immacolata (IDI)-Roma

“Per tradizione l’Idi si è sempre dedicato all’aggiornamento dei suoi operatori: crediamo sia giusto che il nostro personale sappia anche in caso di incendio cosa fare con persone che, essendo dei malati, non possono avere nei comportamenti la stessa reattività dei normali cittadini. A me sembra che questa sia una priorità: per questo ho messo a disposizione i locali del nostro Istituto per dare vita alla prima Fire School d’Italia”.

On. GIUSEPPE ZAMBERLETTI

“Questo incontro sulla prevenzione antincendi nelle strutture sanitarie mette in evidenza un punto importantissimo della Protezione civile. Spesso si parla solo di soccorso: accade una disgrazia, arrivano i Vigili del fuoco, cercano di salvare le persone, arrivano i volontari… però la Protezione civile in tutti i settori è soprattutto previsione e prevenzione. Previsione, perchè bisogna essere in grado di vedere il rischio, e prevenzione che è legata all’esperienza dell’emergenza. Chi si occupa di prevenzione deve possedere anche un’esperienza di emergenza, perchè attraverso l’esperienza dell’emergenza si possono individuare le norme necessarie per dettare una politica di prevenzione efficace”.

“Generalmente nei terremoti o negli incendi i modelli comportamentali, cioè come ci si deve comportare se un rischio diventa attuale, aiutano a gestire le emergenze. Negli ospedali questo non è possibile: qui il vero protagonista è il personale e serve una politica di prevenzione molto severa perché ci rivolgiamo a dei cittadini che non hanno la stessa capacità di reazione dei normali cittadini”.

Ing. SERGIO INZERILLO – Dir. Scuola di Formazione Operativa Vvff – Montelibretti (Rm)

“È fondamentale l’immediatezza dell’intervento da parte di chi lavora nella struttura sanitaria perchè sono gli operatori i primi a rendersi conto di quello che sta succedendo e a trovarsi coinvolti in prima persona, prima ancora dei Vigili del fuoco che arriveranno quando l’evento si è ormai sviluppato”.

“Nella scuola di Formazione operativa di Montelibretti che dirigo, sono state formate diverse unità di operatori di strutture sanitarie: abbiamo fatto delle prove di incendi di quadri elettrici, in camere da letto, nelle cucine ma pensiamo di farlo anche in veri ambienti di tipo ospedaliero dove si possa simulare l’incendio di un materasso o altre dinamiche tipiche”.

“Auspichiamo che questi esperimenti non siano più sporadici ma diventino strutturali e possano permettere di trasferire all’esterno questa esperienza che nasce come patrimonio di formazione dei Vigili del fuoco e per i Vigili del fuoco e che possa essere allargata agli operatori sanitari che sono i primi che si trovano a contrastare i principi di incendio”.

Arch. VALENTINA OSTI – direttore tecnico IDI

“La nostra idea è stata quella di creare un punto di formazione continua dedicato alle strutture sanitarie ospedaliere, private e pubbliche, per poter formare tutti gli addetti”.

“L’opportunità è stata trovare uno spazio dedicato qui in Idi che consentisse la formazione continua per le strutture antincendio in ambito sanitario: abbiamo un reparto attualmente non in uso dedicato alle simulazioni, che non interrompe la normale attività sanitaria. Tutte le strutture sanitarie che hanno bisogno di fare simulazioni antincendio vengono qui e trovano il campo adatto di esercitazione. Per questo sono molto contenta di poter dire che la “Fire School Hospital” al momento è l’unica in Italia ed è stata anche la prima a creare questo genere di formazione per le strutture sanitarie”.

L'autore

Martina Tesser

Free-lance nel settore editoriale dal 2010, scrivo con passione di tematiche relative al soccorso, specialmente legate all'ambito inglese e americano. Futuro? Obiettivo Vigile del Fuoco!

Articoli correlati

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

BANNER_GUIDASICURA_AMBULANZA

X