Incendio in una fabbrica di vestiti in Bangladesh, 10 vittime

Incendio in una fabbrica di vestiti in Bangladesh, 10 vittime

Dhaka, Bangladesh – Un fuoco divampato martedì notte in una fabbrica di vestiti appena fuori dalla capitale del Paese, ha ucciso almeno 10 persone, secondo fonti ufficiali.

L’ufficiale dei pompieri ha dichiarato che 10 corpi sono stati trovati all’interno della fabbrica Aswad, a Gazipur, appena fuori Dhaka. Molte altre persone hanno riportato ferite mentre cercavano di scappare dall’edificio in fiamme.

Un giornalista locale, Iqbal Ahmed, ha raccontato che il fuoco sarebbe divampato durante un giorno di chiusura della fabbrica, anche se diversi impiegati si trovavano all’interno dell’edificio per straordinari.

Il fuoco avrebbe attaccato anche altre due fabbriche di vestiti adiacenti di proprietà del Palmal Group of Industries. Le cause dell’incendio restano ancora ignote.

Le dure condizioni di lavoro, spesso rischiose, a cui sono sottoposti gli operai delle fabbriche di indumenti hanno tristemente attirato l’attenzione mondiale dopo il crollo di un’edificio di otto piani l’aprile scorso, in cui sono rimaste vittime più di 1100 persone. Il settore tessile non è nuovo a incendi, come ad esempio quello avvenuto quasi un anno fa, che uccise 112 lavoratori.

Il Bangladesh guadagna 20 miliardi di dollari all’anno attraverso l’esportazione di indumenti, la maggior parte diretti verso gli Stati Uniti e Europa. Il settore ha un numero di impiegati di 4 milioni, con una maggioranza di donne.

L'autore

Emergency Live

Emergency Live is the only multilingual magazine dedicated to people involved in rescue and emergency. As such, it is the ideal medium in terms of speed and cost for trading companies to reach large numbers of target users; for example, all companies involved in some way in the equipping of specialised means of transport. From vehicle manufacturers to companies involved in equipping those vehicles, to any supplier of life- saving and rescue equipment and aids.

Articoli correlati

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

SEI UN LETTORE?

registrati-ora

SEI UN’AZIENDA?

diventa-partner

X