Morire su un campo da calcio, condannati i medici che assistettero Piermario Morosini

Morire su un campo da calcio, condannati i medici che assistettero Piermario Morosini

Un anno di reclusione per il medico del 118 di Pescara Vito Molfese, otto mesi al medico sociale del Livorno Manlio Porcellini e al medico del Pescara Ernesto Sabatini. La sentenza sarà depositata nei prossimi giorni.

"Piermario Morosini playing for Livorno in 2012" di it:Utente:Prof.Quatermass - Originally uploaded as it:File:Morosini Piermario.jpg. Con licenza CC BY 3.0 tramite Wikimedia Commons - http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Piermario_Morosini_playing_for_Livorno_in_2012.jpg#/media/File:Piermario_Morosini_playing_for_Livorno_in_2012.jpg

“Piermario Morosini playing for Livorno in 2012″ di it:Utente:Prof.Quatermass – Originally uploaded as it:File:Morosini Piermario.jpg. Con licenza CC BY 3.0 tramite Wikimedia Commons – http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Piermario_Morosini_playing_for_Livorno_in_2012.jpg#/media/File:Piermario_Morosini_playing_for_Livorno_in_2012.jpg

Sono stati condannati tutti e tre i medici coinvolti nel processo per la morte del calciatore del Livorno Piermario Morosini, deceduto a Pescara il 14 aprile 2012 sul campo da gioco dello stadio comunale.

La decisione è stata presa dal giudice monocratico del Tribunale di Pescara Laura D’Arcangelo. I tre imputati sono stati condannati ad un risarcimento di 150 mila euro in solido con la Asl di Pescara e al Pescara Calcio.

La richiesta del PM era stata di condanna a 2 anni per il medico del 118 e l’assoluzione per i medici di Livorno e Pescara, ma il giudice ha deciso diversamente.

Piermario Morosini è morto il 14 aprile del 2012 sul campo da gioco del Pescara, durante un match di Serie B trasmesso in diretta sulle reti Sky e mediaset. Il ragazzo è stato visto da milioni di spettatori accasciarsi al suolo e tutte le operazioni di soccorso – immediate – sono state riprese dalle tv. In campo c’era tre defibrillatori, ma non sono stati utilizzati.

Come Riporta Repubblica Firenze “Il dottor Molfese è in colpa grave e inescusabile, il suo comportamento è fuori da ogni protocollo medico e vi è un’abdicazione dall’esercizio del ruolo e della competenza” ha detto il pm che ha poi continuato: “Aveva il dovere di intervenire, ha consentito allo spostamento sconsiderato di Morosini sulla barella e non ha proceduto all’utilizzo del defibrillatore? Non avremo mai la certezza che seguendo correttamente il protocollo si sarebbe salvata la vita di Morosini, ma è inaccettabile che quando esiste una chance chi ha il dovere di agire non agisca”.

“Non potrò mai dimenticare quello che è successo” ha detto nella dichiarazione spontanea poco prima del verdetto il medico del Livorno Manlio Porcellini. “È pietoso ricordare quanto avvenuto quando Morosini si sentì male, mi trovavo dietro la porta del Pescara perché avevo soccorso un altro giocatore e subito mi accorsi che era qualcosa di grave, per via del movimento innaturale compiuto dal giocatore. Mi precipitai in campo senza attendere il fischio dell’arbitro – ha proseguito il medico sociale del Livorno – e intervenni sul ragazzo che era rivolto a pancia in giù, iniziando un massaggio cardiaco”.
Pochi secondi dopo si creò un folto capannello di persone. “Arrivarono il medico del Pescara e poi altre persone – ricorda Porcellini – si sentivano tante voci, qualcuno mise una cannulla nella bocca di Morosini e pensai fossero arrivati gli addetti al soccorso”. Non ha reso dichiarazioni l’altro imputato presente in aula Vito Molfese, medico del 118, per cui il pm ha chiesto due anni.

Era assente dall’aula il terzo imputato Ernesto Sabatini, medico sociale del Pescara, per il quale è stata chiesta l’assoluzione.
Dopo le dichiarazioni di Porcellini ha preso la parola il pm Gennaro Varone, che ha tenuto la sua requisitoria. Quindi è stata la volta di Edoardo Cesari, in sostituzione di Giovanni Vezzoli, avvocato
di parte civile per conto di Maria Carla Morosini, sorella del calciatore deceduto. A seguire hanno tenuto le loro arringhe i legali dei responsabili civili: Monica Passamonti per la Asl di Pescara e Nicola Lotti per la Pescara Calcio. Infine è stata la volta delle difese di Molfese, assistito da Alberto Lorenzi e Ivo Gabriele, di Porcellini, assistito da Gabriele Rondanina e Massimo Girardi, e di Sabatini, assistito da Giuliano Milia. La discussione è durata circa quattro ore.

L'autore

Emergency Live

Emergency Live is the only multilingual magazine dedicated to people involved in rescue and emergency. As such, it is the ideal medium in terms of speed and cost for trading companies to reach large numbers of target users; for example, all companies involved in some way in the equipping of specialised means of transport. From vehicle manufacturers to companies involved in equipping those vehicles, to any supplier of life- saving and rescue equipment and aids.

Articoli correlati

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

SEI UN LETTORE?

registrati-ora

SEI UN’AZIENDA?

diventa-partner

X