Pisa: il rilevatore di monossido salva 7 persone

Pisa: il rilevatore di monossido salva 7 persone

Dopo due mesi dalla sua assegnazione ad uno dei mezzi di soccorso della Croce Rossa Italiana del Litorale Pisano, il rilevatore di monossido di carbonio (un Altair, della MSA) si è già dimostrato utile in almeno due occasioni.
È quanto dice Marco, soccorritore presente in entrambe le situazioni; durante l’ultima delle quali sono state ben sette le persone che hanno potuto ripararsi dagli effetti notoriamente pericolosissimi del gas.

12696417_1108140205871456_1155023117_o

 

Tra loro i tre soccorritori dell’equipaggio, che insieme allo strumento portatile – generalmente molto diffuso nelle realtà estere più sviluppate – hanno ricevuto anche delle istruzioni operative e una formazione di base in collaborazione con il Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Pisa, sufficiente, ci ripete Marco, a dimostrarsi fondamentale.
Il rilevatore di CO si dimostra così (se ancora fosse necessario), uno strumento di grande importanza per la tutela di tutti, pazienti e soccorritori, che dovrebbe certamente rientrare tra gli equipaggiamenti minimi per ogni mezzo di soccorso degno di questo nome.

L'autore

Matteo Pancotti

Studente infermiere, coordinatore di 1° livello CRI nelle Attività di Emergenza, Delegato Tecnico Locale alla comunicazione e allo sviluppo associativo del Comitato CRI dell'Area Sud Milanese.

Articoli correlati

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

SEI UN LETTORE?

registrati-ora

SEI UN’AZIENDA?

diventa-partner

X