Più di mille agenti picchiati nel corso del 2015. E i soccorritori? Compila il questionario

Più di mille agenti picchiati nel corso del 2015. E i soccorritori? Compila il questionario

Ubriachi e stranieri. Sono loro che in percentuali sempre maggiori aggrediscono gli agenti delle Forze dell’Ordine. A dirlo è l’osservatorio “Sbirri Pikkiati” dell’ASAPS, l’Associazione Amici della Polizia Stradale, che rileva mensilmente i dati delle aggressioni contro agenti di Polizia, Polizia Municipale, Carabinieri e Pubblici Ufficiali. Queste aggressioni riguardano solo le attività su strada, ed esclude le aggressioni conteggiate o avvenute in servizi speciali o di gestione dell’ordine pubblico.

Non è tutto ombra, però (LEGGI I RISCONTRI DI ASAPS). Il dato incoraggiante è che le aggressioni sono in calo rispetto al 2014. Rispetto ai primi sei mesi dell’anno precedente infatti si sono avuti 4,6% di aggressioni in meno. Meno positivo è il fatto che le aggressioni con armi improprie sono in aumento. Molte volte l’aggressore usa la stessa autovettura fermata per travolgere il poliziotto, o qualsiasi strumento idoneo ad aumentare i danni a carico dell’agente di Polizia.

E impressiona anche l’aumento degli aggressori non italiani. Quasi la metà degli aggressori sono infatti stranieri, comunitari ed extra-comunitari. E’ infatti al 44.1% il tasso di non italiani che hanno commesso l’aggressione. Inoltre sono sempre più pesanti i problemi dovuti ad alcol e droga. Gli ubriachi e i drogati che hanno picchiato degli agenti sono arrivati al 32,8% del totale.

L’appello dell’ASAPS è perché la politica si svegli e si interessi del problema. Le forze di pubblica sicurezza e gli operatori sanitari sono stati abbandonati e spesso screditati. Motivo per cui chi viola la legge o chi ha necessità di un aiuto di tipo sanitario, si scaglia contro il volontario, il medico, l’infermiere o l’agente che interviene a rappresentanza dello Stato.

Un tema – quello della violenza sugli operatori di strada – che sta colpendo drammaticamente anche il mondo sanitario. Se sei stato vittima di violenza o sei a conoscenza di qualche episodio avvenuto nella tua città, compila il questionario di Emergency Live

L'autore

Emergency Live

Emergency Live is the only multilingual magazine dedicated to people involved in rescue and emergency. As such, it is the ideal medium in terms of speed and cost for trading companies to reach large numbers of target users; for example, all companies involved in some way in the equipping of specialised means of transport. From vehicle manufacturers to companies involved in equipping those vehicles, to any supplier of life- saving and rescue equipment and aids.

Articoli correlati

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

SEI UN LETTORE?

registrati-ora

SEI UN’AZIENDA?

diventa-partner

X