Riforma del 118, gli scambi fra Balzanelli (SIS118) e Vico (PD) danno uno spunto a livello nazionale

Riforma del 118, gli scambi fra Balzanelli (SIS118) e Vico (PD) danno uno spunto a livello nazionale

TARANTO (Agenparl)- Dopo gli scambi di posizione in merito all’attuale situazione della sanità ionica e dell’emergenza sanitaria attraverso le pagine dei social e degli organi di stampa locali, l’on. Ludovico Vico e il dr. Mario Balzanelli, direttore del sistema di emergenza territoriale 118 della provincia di Taranto nonché presidente nazionale del Società italiana sistema 118, questa mattina si sono incontrati per un confronto diretto. Un incontro, si legge in una nota a firma congiunta,  che ha portato non solo a chiarire le due posizioni, ma anche e soprattutto a trovare numerosi punti su cui fare leva per una riforma complessiva legislativa, a livello parlamentare, del sistema 118 nazionale, che vada nella direzione di un suo netto potenziamento rispetto alle politiche sanitarie degli ultimi 10 anni, definite da Balzanelli “estremamente ed irrazionalmente penalizzanti i cittadini, in primis, quindi gli operatori”. In particolare, il dr. Mario Balzanelli ha fatto presente all’on. Vico le modalità di funzionamento del sistema 118 della provincia di Taranto, contestualizzandolo rispetto alle esigenze operative del territorio e alle complessità gestionali intrinseche derivanti, in presenza di una pianta organica medica notevolmente ridotta (mancano 31 medici su 75) dal concomitante impegno gestionale dei Punti di Primo Intervento.

Il direttore del 118 si è soffermato sull’analisi dell’importanza strategica dei Punti di Primo Intervento a livello dei vari territori regionali, i quali , a suo parere, non solo esercitano una rilevante e strategica azione di filtro sulle acuzie minori, quanto rappresentano punti autentici di garanzia nelle varie aree comunali in cui insistono, particolarmente quando lontane dai presidi ospedalieri.  A tal proposito, il dr. Balzanelli auspica e raccomanda all’attenzione del parlamentare, la necessità secondo cui i Punti di Primo Intervento, a livello nazionale, non solo non vengano chiusi, come previsto da specifica direttiva del Ministero della Salute, quanto significativamente potenziati quali uniche unità operative territoriali in grado di garantire la gestione efficace di qualunque tipologia di acuzie ospedalizzando una percentuale bassissima dei pazienti visitati e trattati, che mediamente non supera il 4%.

 

Il dr. Balzanelli ha quindi presentato e  motivato all’on. Vico come sia indispensabile, a livello ministeriale, ridefinire i paramentre complessivi di idoneità e di appropriatezza, strutturali e funzionali, dei dipartimenti di emergenza ospedalieri di secondo livello (DEA II), affinché il percorso intraospedaliero del paziente acuto e critico fluisca in contesto tempo dipendente, in modo ordinato e coordinato rispetto alle esigenze specifiche gestionali. “Non possiamo immaginare un sistema dell’emergenza – ha ribadito il direttore del 118 – a due velocità, con il 118 che corre con il cronometro in mano ed un sistema dipartimentale ospedaliero in cui, pur contando sulla indubbia valenza professionale di elevato livello degli operatori tutti, le cui tempistiche e articolazioni di percorso interni risentono, obiettivamente, di innaturali e plurali modalità di congestionamento operativo e gestionale”. “Innegabile l’indispensabile contributo del 118 e di tutti i suoi operatori infermieristici e medici, alla critica situazione sanitaria ionica – ha detto l’on. Vico – mai messa in discussione.

Costruttivo il confronto vis a vis con il dr. Balzanelli, utile non solo a chiarire le rispettive posizioni, ma a consentire di ribadire da parte mia che le questioni poste riguardano il riordino ospedaliero e in questo caso la ingiustificata chiusura dei PS del Moscati (Statte) e del San Marco (Grottaglie) e la centralizzazione sul SS Annunziata di tutte quelle attività che con il Piano sono state chiuse, determinando l’implosione dell’intero Presidio ospedaliero centrale (Poc) che dovrebbe servire circa 300mila abitanti. Ribadisco che si pone la necessità di una revisione del Piano di riordino ospedaliero e che l’emergenza in corso sia gestita in stato di crisi”.

Condivido i suggerimenti sottopostimi dal dr. Balzanelli – ha concluso il deputato ionico – in ordine ad una visione più organica e di riforma legislativa urgente del sistema 118 nazionale, anche al fine di una coerente ricaduta sul piano regionale e provinciale”. Il Direttore del 118 Balzanelli  ha chiarito infine  che “ l’impostazione strategica del piano di riordino regionale pugliese è coerente con lo standard di riferimento di settore nazionale per la gestione del paziente acuto”. La Puglia ha meritoriamente inaugurato il percorso di centralizzazione mirata sui DEA II dei pazienti critici secondo il modello di rete previsto per le patologie tempo dipendenti. I percorsi inaugurati rappresentano, infatti, la base di garanzia per la miglior tutela tempo dipendente dei pazienti in imminente pericolo di morte. Si è fornita una netta sterzata al fatto che il paziente giusto finisca, nel tempo sbagliato, nel posto sbagliato. I corridoi ad elevata velocita’ previsti per i codici rossi vanno – oggi –  tutti nella direzione giusta, senza le fatali perdite di tempo dei modelli gestionali precedenti.”

L'autore

Emergency Live

Emergency Live is the only multilingual magazine dedicated to people involved in rescue and emergency. As such, it is the ideal medium in terms of speed and cost for trading companies to reach large numbers of target users; for example, all companies involved in some way in the equipping of specialised means of transport. From vehicle manufacturers to companies involved in equipping those vehicles, to any supplier of life- saving and rescue equipment and aids.

Articoli correlati

1 Comment

  1. Marco

    Perché si persevera a parlare di riforma nazionale del Soccorso Sanitario Urgenza Emergenza e non di Riforma del Soccorso Pubblico globale? Il sistema di sicurezza italiano è già altamente frammentato e se appunto vi è la necessità di una riforma, tale deve comprendere non solo il soccorso sanitario, ma anche il soccorso tecnico e la sicurezza pubblica. Dobbiamo misurarci con progetti lungimiranti.

Comments are closed.

BANNER_GUIDASICURA_AMBULANZA

X