Sbarchi raddoppiati, l’allarme dell’UNHCR: “Le percentuali aumenteranno ancora”

Sbarchi raddoppiati, l’allarme dell’UNHCR: “Le percentuali aumenteranno ancora”

03_ComparisonLatestYears(29JUNE2015)ROMA – I dati dell’UNHCR, l’organismo internazionale più affidabile al mondo per inquadrare le emergenze umanitarie, danno ragione ai catastrofisti. Gli sbarchi nel 2015 sono quasi raddoppiati rispetto al 2014, e le cifre stanno salendo ancora perché nella seconda metà dell’anno sono previsti il maggior numero di arrivi. L’estate infatti infonde una spinta maggiore alle emigrazioni che avvengono – secondo l’UNHCR – nella maggior parte dei casi per colpa di guerre, violenze, carestie e malattie. Ufficialmente sono morte 1867 persone in mare nel 2015, ma il numero è basato su stime potenzialmente rivedibili.

01_ScaleOfCrisis(29JUNE2015)Il dramma però colpisce solo due paesi: Italia e Grecia. Più di 120.000 persone delle 137.000 che hanno attraversato il Mediterraneo sono sbarcate in questi due paesi. Chi – come i paesi del nord Europa – chiude gli occhi di fronte a questi numeri evidenti ha chiare responsabilità, e l’UNHCR con il suo Alto Commissario Antonio Guterres non ci è andato  per il sottile:“L’Europa ha una chiara responsabilità, che è quella di aiutare coloro che cercano protezione da guerre e persecuzioni - ha affermato Guterres – Negare questa responsabilità equivale a minacciare le fondamenta stesse del sistema umanitario che l’Europa ha lavorato così duramente per costruire. I paesi europei devono fare la loro parte per rispondere alla crisi dei rifugiati, in patria e all’estero”. Vedere paesi come Spagna (1230 sbarchi) o Malta (98 sbarchi) e paragonarli alla situazione che si sta verificando in Italia e in Grecia è ormai paradossale, e l’UNHCR sottolinea tutto ciò con chiarissime infografiche che vi alleghiamo a questo articolo.

In Grecia, un sistema di accoglienza limitato a meno di 2.000 posti ha comportato condizioni inadeguate per i nuovi arrivati. Molti rifugiati e migranti continuano il loro viaggio attraversando l’Ex Repubblica Jugoslava di Macedonia e la Serbia, e poi in Ungheria. Ogni giorno, una media di oltre 1.000 persone fanno ingresso nell’Ex Repubblica Jugoslava di Macedonia dalla Grecia, a fronte di 200 persone solo poche settimane fa. Ci sono frequenti casi di abusi e violenze lungo il percorso da parte di trafficanti e reti criminali, così come una crescente chiusura delle frontiere.

04_The-Route(29JUNE2015)

 


A questi link trovate le conclusioni a cui è giunto il rapporto dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) 

02_ComparisonToPast5Years(29JUNE2015)

L'autore

Emergency Live

Emergency Live is the only multilingual magazine dedicated to people involved in rescue and emergency. As such, it is the ideal medium in terms of speed and cost for trading companies to reach large numbers of target users; for example, all companies involved in some way in the equipping of specialised means of transport. From vehicle manufacturers to companies involved in equipping those vehicles, to any supplier of life- saving and rescue equipment and aids.

Articoli correlati

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

SEI UN LETTORE?

registrati-ora

SEI UN’AZIENDA?

diventa-partner

X