Sfiorato il dramma nel basket, il DAE e la formazione hanno salvato un ventunenne

Sfiorato il dramma nel basket, il DAE e la formazione hanno salvato un ventunenne

MANERBIO, BRESCIA – A pochi secondi dalla sirena, a un soffio dalla tragedia. Alessandro Pagani, giocatore della Assigeco Casalpusterlengo Basket, società di serie A2, si è accasciato a terra senza più battito cardiaco proprio nei secondi finali del primo quarto, quando suona la sirena. Il suo è stato un attacco cardiaco e subito la gravità della situazione ha messo in panico compagni di squadra e avversari. Ma non il medico del Brescia Basket, nè una spettatrice-soccorritrice. Appena capito il dramma, alle 21.10 di sabato sera, il ragazzo è stato soccorso con massaggio cardiaco e defibrillatore, una presenza importante e fondamentale in ogni palazzetto dello sport.

A far sopravvivere il giocatore sono stati infatti questi elementi. Avvertito subito il 118, il ragazzo in circa 15 minuti è stato trasportato in ambulanza all’ospedale di Brescia. Secondo le ricostruzioni dei presenti il giovane ha ripreso a respirare prima di essere portato via. All’ospedale poi il giovane è stato sottoposto a Tac, che hanno dato tutte esito negativo. Il giocatore è però intubato e sottoposto a coma farmacologico. IL ragazzo avrebbe anche già riconosciuto il padre, ha spiegato Franco Curioni, presidente dell’Assigeco Casalpusterlengo.

Per tutta la giornata i genitori, i compagni di squadra e gli amici di Alessandro sono stati in attesa di buone notizie nella sala d’attesa della Rianimazione dell’ospedale. “Solo domattina mattina ne sapremo di più, ora è troppo presto”, ha spiegato a Repubblica Milano il padre del giovane. Pagani resta in coma farmacologico e intubato, ma starebbe reagendo alle cure mediche. Le tac hanno dato esito negativo. “Questo è buon segno, sicuramente ha dimostrato di avere un fisico forte” ha spiegato Moretti. “Ho temuto che non ce la facesse perché il cuore non riprendeva più a battere. Ho tirato un sospiro di sollievo quando ha ricominciato a respirare autonomamente”, è stato il racconto che ripercorre i drammatici momenti vissuti sul parquet tra la disperazione generale. “Prima abbiamo praticato il massaggio cardiaco, poi usato il defibrillatore”.

AMBULANZA E DAE, POLEMICHE – Ma non tutto è filato liscio in questo dramma, e alcune persone parlano di vero e proprio “miracolo”. Perché sempre secondo le ricostruzioni di Repubblica Milano all’evento – di un campionato sportivo professionistico – non era presente l’ambulanza, e soprattutto non pare chiara da chi sia stato fornito il defibrillatore: se dal palazzetto sportivo, se dalla società ospite oppure se da una squadra che aveva giocato poco prima. “Non se fosse di Manerbio o lo ha fornito la società di Omegna che aveva giocato poco prima. L’importante – ha aggiunto il medico del Brescia Moretti – è che poi sia saltato fuori. Senza il defibrillatore Alessandro non ce l’avrebbe fatta”. Danilo Gallinari va social Twitter ha inviato un messaggio a Pagani: “Forza Alessandro sei sempre stato un guerriero devi combattere anche adesso…non mollare”.

L'autore

Emergency Live

Emergency Live is the only multilingual magazine dedicated to people involved in rescue and emergency. As such, it is the ideal medium in terms of speed and cost for trading companies to reach large numbers of target users; for example, all companies involved in some way in the equipping of specialised means of transport. From vehicle manufacturers to companies involved in equipping those vehicles, to any supplier of life- saving and rescue equipment and aids.

Articoli correlati

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

SEI UN LETTORE?

registrati-ora

SEI UN’AZIENDA?

diventa-partner

X