Sicurezza, sicurezza e sicurezza, sempre! Un volontario di Protezione Civile ha rischiato di annegare nel fiume Cellina

Sicurezza, sicurezza e sicurezza, sempre! Un volontario di Protezione Civile ha rischiato di annegare nel fiume Cellina

SACILE (Friuli Venezia-Giulia) - La sicurezza è il primo assoluto e fondamentale metro di valutazione per qualsiasi attività di Protezione Civile. E’ una norma chiara e precisa che deve essere sempre rispettata perché – altrimenti – si rischia di vivere momenti davvero brutti le cui conseguenze potrebbero essere tragiche. E’ quello che è successo ad un volontario della Protezione Civile di Sacile nel Cellina, nella riserva naturale di Bàrcis. Durante un corso di salvataggio per tecnici, il volontario è stato sommerso da un’ondata di corrente di montagna. L’incidente poteva davvero finire in tragedia perché il volontario di 42 anni ha iniziato a fare fatica a risalire verso la superficie.  «Ho visto la morte in faccia. Non riuscivo a tornare a galla. Per un attimo mi sono lasciato andare e ho capito il terrore che si prova nelle emergenze. Ero prigioniero del dispositivo dell’imbragatura che si era incastrato e la fune non si staccava». Momenti di terrore, con il grido sordo di aiuto ai compagni a riva, che veniva inghiottito dal rumore della corrente del Cellina. «Ho pensato che fosse la fine – ha aggiunto ancora scosso il volontario –, poi l’istinto di sopravvivenza ha avuto la meglio. Mi sono girato in fretta e sono riuscito a fare scattare il dispositivo: quando sono tornato a galla ho urlato con tutto il fiato in gola».

L’hanno trainato a riva con le funi, i compagni che l’avevano visto sparire sotto il pelo dell’acqua. «Il rischio di annegamento e di ipotermia è stato alto – ha valutato il volontario –. Ringrazio la fortuna che mi ha assistito».
Durante l’esercitazione si è sfiorato il dramma: il 42enne in preda a una crisi respiratoria, è stato portato immediatamente fuori dall’acqua. I soccorsi sono intervenuti tempestivamente e la grande paura è stata superata. «Purtroppo in questi tre giorni di prove di immersione e salvataggio c’è stato l’incidente e per qualche minuto abbiamo temuto per la vita di un volontario – ha confermato Ezio Manfè, coordinatore della squadra di Sacile –. Alla fine è andato tutto bene ma si è potuto testare quanto sia pericolosa la corrente, con acqua fredda e fondale impegnativo».

L’esperienza della Protezione Civile di Sacile è costantemente aggiornata e tenuta sotto controllo. In questo caso le esercitazioni erano svolte per incrementare le esperienze di sette volontari con 30 ore di corso tra teoria e pratica. La pratica è stata sul fiume Livenza e nel torrente Cellina per testare le corrente e due fondali diversi. «È giusto che i ragazzi siano preparati in ogni evenienza se dovessero essere chiamati in aiuto in altri Comuni – ha valutato Manfè –. Tre giorni vissuti come in caserma militare e scanditi dai tempi cronometrati per vestirsi, mangiare, fare la doccia». Il tempo di tre minuti è quello che serve per salvare qualcuno dalla morte.

«Il corso – ha sottolineato il vicesindaco Vannia Gava – è tutto finanziato dal Comune. È stato affidato alla “Rescue Project” del Veneto, che ha inviato l’istruttore Andrea Frosoni. I brevetti saranno spediti in Regione per ottenere le certificazioni». Spesa di oltre mille euro: un investimento in sicurezza a Sacile.

L'autore

Emergency Live

Emergency Live is the only multilingual magazine dedicated to people involved in rescue and emergency. As such, it is the ideal medium in terms of speed and cost for trading companies to reach large numbers of target users; for example, all companies involved in some way in the equipping of specialised means of transport. From vehicle manufacturers to companies involved in equipping those vehicles, to any supplier of life- saving and rescue equipment and aids.

Articoli correlati

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

BANNER_GUIDASICURA_AMBULANZA

X