Sisma nella provincia di Frosinone: tanta paura ma pochi danni

Sisma nella provincia di Frosinone: tanta paura ma pochi danni

Ieri sera una scossa di magnitudo 4.8 ha colpito alcuni paesi della provincia di Frosinone, per fortuna non ci sono stati danni di grave entità. Una donna, cardiopatica, dallo spavento è deceduta. I paesi più colpiti: Sora e Isola Liri. Una leggera scossa si è registrata poi in tarda serata verso le 23.24, ma di minor portata in confronto alla prima. La provincia di Frosinone è dal 2009 che è nel mirino di scienziati ed esperti, essendo una zona a forte rischio sismico, gli esperti raccomandano una grande attenzione sul territorio e l’attivazione costante di procedure di prevenzione.

Gli interventi della Protezione Civile nelle ultime ore – La Protezione civile regionale è presente sul territorio con 37 squadre di volontari che per tutta la notte, insieme ai vigili del fuoco e alle altre forze di polizia, hanno dato il loro supporto alla popolazione e alle autorità locali per presidiare e monitorare il territorio. Diverse centinaia nella notte le segnalazioni giunte ai vigili del fuoco, la maggior parte cittadini impauriti o che chiedevano informazioni, poche per fortuna le segnalazioni di danni.

In particolare, momenti di grande paura e scene di panico si sono verificate a Sora, dove in tanti hanno lasciato le prime abitazioni (o i locali pubblici dove vi era molta gente radunata di fronte alla partita Roma-Juventus) e si sono così precipitati all’aperto. I telefoni, per diversi minuti, sono rimasti isolati.

L'autore

Emergency Live

Emergency Live is the only multilingual magazine dedicated to people involved in rescue and emergency. As such, it is the ideal medium in terms of speed and cost for trading companies to reach large numbers of target users; for example, all companies involved in some way in the equipping of specialised means of transport. From vehicle manufacturers to companies involved in equipping those vehicles, to any supplier of life- saving and rescue equipment and aids.

Articoli correlati

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

SEI UN LETTORE?

registrati-ora

SEI UN’AZIENDA?

diventa-partner

X