Soccorso alpino a pagamento, anche l’Abruzzo vara una legge sul “buon senso”

Soccorso alpino a pagamento, anche l’Abruzzo vara una legge sul “buon senso”

L’AQUILA – Anche in Abruzzo le persone che non sono adeguatamente attrezzate o che si sono avventurate in montagna senza usare il buon senso e sono finte nei guai, dovranno pagare dazio per essere aiutate. Il Soccorso Alpino della Regione Italiana più verde d’Europa si mettono al passo con i colleghi di Valle d’Aosta, Trentino, Lombardia e Veneto e attivano grazie alla legge “Reasta” il soccorso a pagamento per le persone che non sono in pericolo di vita o con ferite tali da giustificare un intervento d’urgenza. Tutto è nato dalla proposta dell’istruttore di sci Paolo de Luca, che lanciò l’idea l’anno scorso anche dalle pagine di Emergency Live.

foto Paolo De Luca_articoloIeri il Consiglio regionale abruzzese ha approvato a maggioranza – astenuto il solo M5S – la legge sulla “Istituzione della Rete Escursionistica Alpinistica Speleologica Torrentistica Abruzzo (REASTA) per lo sviluppo sostenibile socio-economico delle zone montane e nuove norme per il Soccorso in ambiente montano”. Fra le nuove norme del soccorso alpino in montagna c’è specificato che gli interventi dell’elisoccorso che non avranno carattere sanitario – qualora non sussistano le necessità di accertamento diagnostico o di trasporto urgente in Pronto Soccorso – saranno soggetti  alla compartecipazione della spesa da parte dell’utente trasportato, se l’intervento è stato richiesto da quest’ultimo o riconducibile ad esso. La compartecipazione sarà aggravata se si ravviserà un comportamento imprudente da parte della persona soccorsa”.

Si tratta di un passaggio molto importante e che va chiarito bene: l’elicottero di soccorso sarà gratuito per chi avrà necessità di soccorso sanitario, per chi si troverà nella condizione di aver bisogno del trasporto  urgente. Sarà invece a pagamento per chi non ha seguito il buon senso e si è avventurato in montagna senza attrezzature, senza mappe o senza organizzazione, e vorrà fare “rientro” a casa usando un servizio pubblico come l’elicottero, sfruttandolo come se fosse un taxi. Ecco: da domani anche in Abruzzo chi usa l’elisoccorso come un taxi dovrà pagare: come è giusto che sia.

L'autore

Emergency Live

Emergency Live is the only multilingual magazine dedicated to people involved in rescue and emergency. As such, it is the ideal medium in terms of speed and cost for trading companies to reach large numbers of target users; for example, all companies involved in some way in the equipping of specialised means of transport. From vehicle manufacturers to companies involved in equipping those vehicles, to any supplier of life- saving and rescue equipment and aids.

Articoli correlati

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

BANNER_GUIDASICURA_AMBULANZA

X