Strutture scolastiche provvisorie: al via progetti in diversi comuni

Strutture scolastiche provvisorie: al via progetti in diversi comuni

Accoglieranno gli studenti delle zone interessate dal terremoto

Anche nei territori colpiti dal terremoto, ragazzi e ragazze sono tornati alle attività di ogni giorno, alle lezioni con gli insegnanti, alle chiacchiere con i compagni di banco. Da settembre, per ognuno di loro, è iniziata la scuola.

Perché questo fosse possibile la Dicomac – Direzione di comando e controllo, con il Ministero dell’Istruzione dell’università e della ricerca, i dirigenti scolastici e i Sindaci dei comuni interessati, ha individuato soluzioni mirate che hanno permesso a tutti gli studenti di rientrare in classe.

Nell’immediato, per le scuole inagibili sono state individuate soluzioni alternative: dalle tendostrutture ai “gemellaggi” con Istituti di comuni vicini. Parallelamente si è lavorato a soluzioni di medio periodo grazie a donazioni da parte di Istituzioni, enti, fondazioni bancarie e organizzazioni di volontariato, per la realizzazione di moduli temporanei a uso scolastico.

Proprio in questi giorni stanno partendo diversi nuovi progetti, per i quali si inizia a lavorare dopo la necessaria fase di analisi, confronto con il territorio, individuazione delle aree su cui collocare le strutture. A questo proposito fondamentale è la predisposizione delle aree da parte dell’Esercito e, per Arquata del Tronto, dell’Associazione nazionale alpini.

Per gli studenti di Arquata del Tronto, che hanno iniziato l’anno scolastico nelle tende, è in arrivo una struttura donata dalla Fondazione Rava, che accoglierà scuola d’infanzia, primaria e secondaria di I grado, per un totale di nove classi più un locale mensa.
Anche per i ragazzi di Cittareale è in arrivo un modulo scolastico temporaneo composto da due aule e un locale per pranzare insieme. Per loro, la donazione arriva da Unicoop con Misericordie d’Italia.

Ad Acquasanta Terme saranno invece Ubibanca con Misericordie d’Italia a donare una scuola temporanea, che ospiterà 140 alunni per un totale di sette classi, mentre a Corridonia – nel territorio di Macerata – sarà Save the Children a realizzare una scuola di 6 classi per 80 studenti. In entrambi i casi i ragazzi potranno usufruire anche di uno spazio mensa.

Anche a Gualdo e Monte Urano si sta iniziando a lavorare con nuovi donatori a progetti analoghi.

Parallelamente alla realizzazione di strutture provvisorie, prosegue l’attività che mette insieme esigenze dei comuni colpiti e disponibilità del territorio. Grazie a questa rete solidale, oggi a Rieti frequentano il loro primo giorno di scuola i ragazzi del Centro di formazione professionale alberghiera di Amatrice, nella sede temporanea messa a disposizione dal Consorzio industriale di Rieti.

L'autore

Emergency Live

Emergency Live is the only multilingual magazine dedicated to people involved in rescue and emergency. As such, it is the ideal medium in terms of speed and cost for trading companies to reach large numbers of target users; for example, all companies involved in some way in the equipping of specialised means of transport. From vehicle manufacturers to companies involved in equipping those vehicles, to any supplier of life- saving and rescue equipment and aids.

Articoli correlati

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

SEI UN LETTORE?

registrati-ora

SEI UN’AZIENDA?

diventa-partner

X