Terremoto, calano gli assistiti e si aprono i bandi per nuove aree di accoglienza. La Protezione Civile fa tutto in nome della trasparenza

Terremoto, calano gli assistiti e si aprono i bandi per nuove aree di accoglienza. La Protezione Civile fa tutto in nome della trasparenza

Come per il terremoto dell’Emilia, la Protezione Civile ha realizzato bandi di concorso in totale trasparenza per aggiudicare i lotti di fornitura per materiali e servizi temporanei, che serviranno per dare una casa alle popolazioni nelle aree interessate dai terremoti. Ecco la situazione e cosa succederà nei prossimi giorni (mentre ad Amatrice si stanno costruendo già le prime piattaforme per ospitare le case temporanee)

 

Sono poco più di 22.400 le persone assistite dal Servizio Nazionale della Protezione Civile in seguito alle forti scosse di terremoto che hanno colpito il territorio dell’Italia centrale il 24 agosto, il 26 ottobre e il 30 ottobre.  In particolare, sono poco più di 10.350 gli assistiti in palazzetti, centri polivalenti e strutture allestite ad hoc nel proprio comune, più di 9.500 le persone accolte presso le strutture alberghiere lungo la costa adriatica e sul lago Trasimeno e circa 2.150 in strutture ricettive distribuite sul territorio. Restano, infine, assistite in tende poco più di 400 persone, una ventina nella regione Lazio e i restanti in Umbria.

Nella Regione Marche sono oltre 15.650 gli assistiti: circa 6.700 in strutture di prima accoglienza allestite a livello comunale, all’incirca 1.150 in strutture ricettive sul territorio e circa 7.850 negli alberghi della costa.

In Umbria gli assistiti sono poco più di 4.000: oltre 2.200 in strutture di prima accoglienza allestite a livello comunale, poco più di 200 in strutture ricettive sul territorio, oltre 1.180 negli alberghi individuati in altre aree nella stessa Regione, sul lago Trasimeno e all’incirca 400 sono le persone assistite in tenda.

Per quanto riguarda, invece, i cittadini del Lazio gli assistiti sono quasi 680 : 60 in strutture di prima accoglienza allestite a livello comunale e una ventina in tenda. Le restanti persone hanno scelto di trasferirsi fuori regione: circa 490 negli alberghi della costa adriatica e oltre cento presso gli alloggi del piano CASE e MAP messi a disposizione in Abruzzo.

Nella Regione Abruzzo, infine, sono circa 2.050 gli assistiti: poco meno di 1.400 in strutture di prima accoglienza allestite a livello comunale e circa 670 in strutture ricettive sul territorio.

È bene ricordare che i dati sono da considerarsi in continua evoluzione e aggiornamento e non comprendono tutti coloro che hanno individuato autonomamente una sistemazione.

 

Nel frattempo è iniziata la procedura negoziata d’urgenza, in due lotti, per l’affidamento della fornitura di beni e servizi finalizzati all’allestimento delle aree di accoglienza della popolazione interessata dagli eventi sismici che hanno colpito l’Italia centrale nei mesi di agosto e ottobre 2016, per conto della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della protezione civile. Come sempre, in nome della trasparenza più totale e per garantire a tutti i cittadini di sapere dove i loro soldi saranno spesi, la Protezione Civile ha pubblicato il bando di partecipazione e la lista dei dispositivi che saranno acquistati a questo link.

 

 

 

L'autore

Emergency Live

Emergency Live is the only multilingual magazine dedicated to people involved in rescue and emergency. As such, it is the ideal medium in terms of speed and cost for trading companies to reach large numbers of target users; for example, all companies involved in some way in the equipping of specialised means of transport. From vehicle manufacturers to companies involved in equipping those vehicles, to any supplier of life- saving and rescue equipment and aids.

Articoli correlati

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

SEI UN LETTORE?

registrati-ora

SEI UN’AZIENDA?

diventa-partner

X