TSSA – Riconoscere e trattare punture di insetto, reazioni allergiche, e morsi di animali

TSSA – Riconoscere e trattare punture di insetto, reazioni allergiche, e morsi di animali

Api, vespe, calabroni

Le punture di questi insetti sono pericolose per coloro che sono allergici al veleno; infatti, c’è il rischio di una grave reazione (shock anafilattico). Se però le punture sono multiple o sono situate nel cavo orale, possono essere pericolose anche per persone non allergiche al veleno.

Azioni da effettuare nel Primo soccorso

Controllate subito se il pungiglione è rimasto nella ferita e nel caso cercate di estrarlo con la massima cautela (prestando attenzione a non spremere l’eventuale sacchetto del veleno nel caso di punture d’api). Dopo aver estratto il pungiglione, si deve lavare e disinfettare con cura la lesione. Raffreddate la zona con ghiaccio o acqua fredda e tenetela possibilmente in alto nel caso sia un arto. È possibile il verificarsi di una forte reazione allergica al veleno che si manifesta con gonfiore e tumefazione della parte colpita, dolore e la possibile difficoltà respiratoria. In questo caso è essenziale chiamare il 118 in quanto la situazione è potenzialmente pericolosa per il paziente.

Morso di serpente

Nelle nostre regioni, i serpenti velenosi sono soltanto i viperidi. Il morso è un evento relativamente raro. Attaccano solo per difesa e se sono senza possibilità di fuga; il rischio può essere evitato ricordandosi che rumori e passi pesanti allontanano le vipere.

Prevenzione

Non infilate le mani tra i sassi, specialmente quelli al sole, e non sedetevi senza prima dare qualche colpo di bastone. Non usate scarpe basse. Sorvegliate il comportamento dei bambini. Primo Soccorso – Il veleno della vipera è potenzialmente letale, ma la quantità iniettata dalla vipera è troppo ridotta per avere effetti importanti. Nel caso in cui una persona venga morsa da una vipera si devono valutare quale sia il punto esatto del morso, e l’età della persona stessa per determinare la gravità della situazione. Si deve tranquillizzare la vittima e non la si deve far muovere. A questo punto mantenete la calma e pensate: è velenoso questo morso? Se lo è, compariranno rapidamente i sintomi dell’avvelenamento: vivo dolore con infiammazione della parte colpita, emorragia a chiazze, sete intensa con secchezza della bocca (assolutamente vietati gli alcolici), seguiti poi da ittero, crampi, agitazione, delirio. Se viene effettuato un bendaggio compressivo di tutto l’arto leso, con sua completa immobilizzazione, possono passare anche sei ore prima che si manifestino i primi disturbi. In caso contrario di solito passa circa un’ora. Sappiate che in almeno il 30% dei casi la vipera morde senza iniettare il veleno. Non usate mai il siero antivipera: è più alta la mortalità per shock anafilattico da uso di siero antivipera (più del 3%) che non la mortalità da morso di vipera (1-2% in Italia). Il siero antivipera si usa solo in ospedale e sotto controllo medico. Chiedete il soccorso il più presto possibile. Se avete ucciso il serpente, portatelo con voi, affinché possa essere identificato.

 

Fasciatura linfostatica

Questa metodica vale esclusivamente per gli arti. Si è visto che il veleno passa subito nelle vie linfatiche e solo dopo un certo periodo di tempo arriva nel sangue. E più utile bloccare il veleno nelle vie linfatiche piuttosto che arrestare il flusso sanguigno con rischi notevoli.

Metodica per l’arto inferiore:

 applicare una benda larga e premente sul punto di morsicatura. NON togliere i pantaloni perché oggi movimento in più favorisce l’ingresso del veleno in circolo.

 tenere la gamba immobile; NON incidere; NON succhiare; NON applicare corpi freddi o sostanze chimiche in sede, né fare uso di lacci;

 estendere il bendaggio a valle e a monte del punto di morsicatura (per morso al polpaccio includere il piede e poi salire fino alla radice dell’arto). L’arto in questo modo non resterà privo di irrorazione sanguigna: resteranno sempre attivi il flusso arterioso e il flusso venoso profondo. Resteranno invece esclusi il flusso linfatico, tipica via di diffusione del veleno e il flusso venoso superficiale (nel caso estremo in cui il veleno sia stato inoculato direttamente in un vaso venoso, anche se molto piccolo).

 immobilizzare l’arto bendato a mezzo di stecche (anche per diverse ore). NON dovranno essere rimosse fino a che il paziente non sia giunto dal medico. Sarà il medico a decidere quando si dovranno rimuovere i bendaggi e in questo caso sarà il medico ad usare il siero antiofidico. Ricordare che il medico oltre al siero antiofidico ha a disposizione anche farmaci che servono a bloccare eventuali reazioni allergiche provocate dal siero. Metodica per l’arto superiore:

 bendaggio sul punto di morsicatura, che scende alla mano (punta delle dita) e risale oltre il gomito

 usare una stecca fino al gomito.  usare un triangolo per sostenere il braccio

Riconoscimento e trattamento del paziente con: reazioni allergiche, morsi e punture d’animali (reazioni anafilattiche, punture da imenotteri) Patologie ambientali

 

Il corso TSSA (corso nazionale per l’attività di trasporto sanitario e soccorso in ambulanza) è il corso sanitario avanzato della Croce Rossa Italiana che si prefigge di formare il SOCCORRITORE, cioè il Volontario che svolgerà la sua attività sulle ambulanza e perciò il percorso addestrativo è tipicamente sanitario. I corsi sono tenuti da Istruttori di Croce Rossa qualificati con un apposito percorso specifico. I moduli formativi sono 6. Bastano i primi 4 moduli per diventare soccorritore, gli altri due moduli sono di approfondimento e completamento di percorsi regionali. L’accesso a questo corso prevede l’obbligatorietà di essere Socio Attivo CRI e quindi di aver frequentato il Corso Base. Gli incontri vertono principalmente sulle problematiche del soccorso extra-ospedaliero e si dividono in lezioni teoriche e parti pratiche con particolare riferimento alla Traumatologia, alla Rianimazione cardio-polmonare con l’ottenimento del brevetto BLS-D (defibrillazione) ed all’uso dei Presidi disponibili sulle ambulanze.

La cooperazione che ha portato alla creazione di queste dispense di TSSA è molto importante. Infatti non esiste materiale univoco e ufficiale per tutto il territorio Nazionale. Il materiale delle lezioni che stiamo ripubblicando è nato grazie alla collaborazione dei formatori e degli istruttori di Croce Rossa, specializzati in PSTI (Pronto Soccorso e Trasporto Infermi). Questi istruttori hanno realizzato le schede che potete liberamente consultare. Il team è costituito da 15 istruttori qualificati, il cui lavoro è stato controllato da 5 revisori (formatori, medici specialistici e tecnici esperti) che hanno corretto alcuni contenuti scientifici, rendendo poi omogeneo l’aspetto visivo del corso. In questo modo sono nate delle wikiSLIDES che ad oggi hanno più di 5.000 download dal link ufficiale.

Il ringraziamento di Emergency Live va al gruppo TSSA e al coordinatore Egidio Tuccio.

GUARDA LE ALTRE SCHEDE TSSA

 

Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.
(Puoi riprodurre, stampare e distribuire il seguente testo, ma senza modifiche di alcun tipo, riconoscendone la paternità all'autore, e assolutamente non per finalità commerciali).
Vedi la licenza completa: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/3.0/it/legalcode

L'autore

Emergency Live

Emergency Live is the only multilingual magazine dedicated to people involved in rescue and emergency. As such, it is the ideal medium in terms of speed and cost for trading companies to reach large numbers of target users; for example, all companies involved in some way in the equipping of specialised means of transport. From vehicle manufacturers to companies involved in equipping those vehicles, to any supplier of life- saving and rescue equipment and aids.

Articoli correlati

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

SEI UN LETTORE?

registrati-ora

SEI UN’AZIENDA?

diventa-partner

X