Wizz Air; spettacolare atterraggio d’emergenza a Fiumicino

Wizz Air; spettacolare atterraggio d’emergenza a Fiumicino

Un aereo della Wizz Air, Bucarest-Roma Ciampino, ha effettuato un atterraggio d’emergenza la scorsa settimana; un 9 giugno che i passeggeri a bordo del velivolo, in gran parte cittadini rumeni residenti in Italia sicuramente ricorderanno a lungo. I 165 passeggeri a bordo del velivolo stanno bene e sono stati fatti uscire dal mezzo grazie agli scivoli di salvataggio, 3 persone sono state portate in ospedale per accertamenti.

Momenti di panico secondo i passeggeri che erano a bordo di una tratta comunque molto battuta. Secondo le prime indiscrezioni dei passeggeri e dell’equipaggio, in tutto 6 persone, l’aereo ha iniziato a presentare alcune problematiche proprio durante l’arrivo a Ciampino; essendo il carrello d’atterraggio inutilizzabile, a questo punto il comandante dell’aereo non ha potuto far altro che deviare per Fiumicino dove una pista più lunga ha potuto contenere un atterraggio d’emergenza senza carrello. Versione che passerà comunque al vaglio della procura di Civitavecchia che ha aperto un fasciolo e vuole vederci chiaro su questa faccenda.

Non sono mancati i complimenti al pilota, autore di una manovra decisamente spettacolare definita da alcuni “da manuale”. Il pilota-eroe è un italiano, Gianluca Rabitti Martini, Chief Operations Officer della compagnia ungherese, Diederik Pen; l’azienda in conferenza stampa a Roma ha dato la sua versione dei fatti riguardo all’accaduto sottolineando il grande supporto avuto da tutto l’equipaggio e i meriti del pilota.

Siamo molto orgogliosi di Gianluca. Dopo avere effettuato un primo passaggio sopra la torre di controllo per far verificare a vista eventuali anomalie del carrello, il pilota ha fatto questa manovra che ha riportato a terra tutti incolumi ed e’ stato davvero bravo.

Altri pareri sono stati poi quelli dei passeggeri, che a bordo hanno davvero temuto per la loro incolumità ma che alla fine per fortuna tutto si è risolto per il meglio. Questa è la versione di Pietro, cittadino rumeno ormai residente in Italia dal 2000.

Abbiamo avuto paura come tutti gli altri: per fortuna è andato tutto bene, non c’é stato alcun problema particolare.Quando stavamo arrivando a Ciampino abbiamo capito che c’era qualche problema e che avremmo fatto un atterraggio d’emergenza. Di preciso subito non ci hanno detto nulla. Una volta a Fiumicino, al momento dell’atterraggio, si è abbassata la velocità e abbiamo sentito solo delle vibrazioni e nient’altro. Solo paura ma non ci sono stati particolari scossoni, sembrava un semplice carrozzone di un parco giochi. Siamo quindi usciti dagli scivoli e l’assistenza è stata veloce. Non ho visto feriti, solo dei passeggeri scioccati.

Questa invece la versione di Lucia, un altra passeggera a bordo dell’aereo di cittadinanza rumena.

“Mi sono spaventata molto, pensavamo di girare intorno alla morte ma i piloti e l’equipaggio sono stati bravi e professionali e non ci sono state conseguenze gravi,.”Prima dell’atterraggio – ha detto – l’aereo ha fatto diversi giri: la tensione tra noi a bordo è via via cresciuta; pur avendo volato tante volte non mi era mai successa una cosa del genere. L’equipaggio ci ha preparato all’atterraggio forzato dandoci informazioni di pronto soccorso e le hostess sono state molto professionali. Quando l’aereo ha toccato pista ho sbattuto un po’ la testa e le ginocchia ed è stato il momento di caos all’interno dell’aereo a livello psicologico. Grazie al cielo i piloti si sono comportati bene. Poi nella discesa sui gonfiabili l’impatto è stato duro con la terra. La Wizz Air è una compagnia seria”

A quanto pare tutta la macchina dei sopccorsi si è mossa con efficienza, nella gallery vi mostriamo una serie di foto che mettono in evidenza gli scivoli di salvataggio che sono stati uno dei maggiori protagonisti di questa vicenda.

 

L'autore

Emergency Live

Emergency Live is the only multilingual magazine dedicated to people involved in rescue and emergency. As such, it is the ideal medium in terms of speed and cost for trading companies to reach large numbers of target users; for example, all companies involved in some way in the equipping of specialised means of transport. From vehicle manufacturers to companies involved in equipping those vehicles, to any supplier of life- saving and rescue equipment and aids.

Articoli correlati

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

SEI UN LETTORE?

registrati-ora

SEI UN’AZIENDA?

diventa-partner

X