La solitudine? Fa male al cuore quanto lo stress

La solitudine? Fa male al cuore quanto lo stress
Photo Credit To Lady-Tori Deviantart

Secondo un recente studio essere soli e non poter contare su una solida rete di rapporti sociali può mettere a rischio il cuore

 

Fonte: CardioPeople –  Secondo un recente studio – condotto su 181.000 adulti – essere soli e non poter contare su una solida rete di rapporti sociali può aumentare il rischio di cardiopatia o ictus. Con un effetto ‘spacca cuore’ simile a quello che si vede negli ansiosi, o in chi fa un lavoro molto stressante. A valutare il peso della solitudine per la salute sono stati i ricercatori dell’University of York, dell’University of Liverpool e della Newcastle University.

Gli scienziati hanno esaminato 23 studi condotti su oltre 181.000 adulti, in cui sono stati registrati 4.628 casi di malattie coronariche e 3.002 ictus. Dopo un’analisi di tutti i dati disponibili, i ricercatori hanno scoperto che solitudine e isolamento erano associati a un +29% del rischio di cardiovasculopatia e un +32% di pericolo ictus.

“Abbiamo scoperto un’associazione tra scarse relazioni sociali e incidenti cardiovascolari comparabile, per dimensione, a quella di altri fattori di rischio psicosociale, come l’ansia o una professione stressante”, scrivono gli autori sulla rivista ‘Heart’. “I nostri risultati indicano che gli sforzi per ridurre il rischio” di malattie per cuore e cervello “potrebbero beneficiare del fatto di tener conto della solitudine e dell’isolamento sociale”. In pratica, contrastare questi due fattori potrebbe avere un effetto collaterale salva-cuore, dicono gli esperti nel lavoro, che rimbalza sulla stampa britannica.

sad-lonely-alone-boy-walking-in-rain-with-umbrella-in-hand-photo-widePSICOLOGIA La solitiudine costruttiva

Chi è molto estroverso o può contare su un fitta rete di rapporti sembra più fortunato, dunque. Ma anche “i medici hanno un ruolo chiave da giocare nell’illustrare ai propri pazienti l’importanza dei rapporti sociali”, scrivono gli autori. Insomma, c’è sempre tempo per dire addio alla solitudine, specie se a ‘prescriverlo’ è il medico.

In un editoriale collegato, Julianne Holt-Lunstad e Timothy Smith della Brigham Young University (Utah) sostengono infatti che gli operatori sanitari dovrebbero informare i propri pazienti sull’importanza delle interazioni sociali “come parte di uno stile di vita sano”. E in questo sforzo occorrerebbe anche studiare anche l’effetto delle nuove tecnologie: sono in grado di ampliare la rete sociale, ma anche di “esacerbare il rischio di solitudine”, avvertono i due studiosi americani. Insomma, chattare e scambiare messaggi con amici virtuali è paragonabile a una chiacchiera con persone in carne e ossa? Una domanda cui occorrerebbe rispondere.

L'autore

Emergency Live

Emergency Live is the only multilingual magazine dedicated to people involved in rescue and emergency. As such, it is the ideal medium in terms of speed and cost for trading companies to reach large numbers of target users; for example, all companies involved in some way in the equipping of specialised means of transport. From vehicle manufacturers to companies involved in equipping those vehicles, to any supplier of life- saving and rescue equipment and aids.

Articoli correlati

1 Comment

  1. R.R.

    I momenti di solitudine possono essere positivamente utilizzati per la preghiera, in particolare con la devozione del Santo Rosario che ci consente di sentirsi concretamente vicini a Nostro Signore e alla Madonna, sempre in ascolto di ciascuno di noi in ogni momento delle nostre giornate, meditando i misteri della Loro vita e dedicando loro le più belle preghiere. La recita del Rosario è veramente di aiuto perché ci fa sentire utili agli altri ed ad essa sono associate grandi grazie anche alle persone comuni.

    Reply

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

SEI UN LETTORE?

registrati-ora

SEI UN’AZIENDA?

diventa-partner

X