Quando il caffè è l’antidoto giusto

Quando il caffè è l’antidoto giusto

Il caffè potrebbe essere un  vero e proprio “salvavita” per i camionisti e per quegli autisti costretti a guidare per molte ore in autostrada. I ricercatori del George Institute for global Health (Australia), hanno pubblicato un autorevole ricerca sul ’British Medical Journal’; bere caffè o quantomeno bevande energetiche per restare svegli mentre si è al volante pare possa ridurre il rischio di incidenti del 63% in contrapposizione a chi di fatto non consuma questo tipo di bevande. La ricerca è stata effettuata tra il 2008 e il 2011 ed è stata precisamente condotta nel New South Wales, Australia.

Lo studio ha confrontato 530 guidatori di Tir di grandi dimensioni che avevano avuto un incidente durante una trasferta molto impegnativa con 517 colleghi che non avevano avuto un incidente nei 12 mesi precedenti. Il risultato è stato che il 43% di conducenti ha dichiarato di aver consumato prodotti a base di caffeina al fine di restare svegli alla guida del mezzo.

Secondo i ricercatori  i camionisti che hanno consumato caffeina per rimanere svegli, avevano il 63% in meno di probabilità di avere un incidente rispetto ai colleghi che del caffè non ne vogliono sapere. Gli scienziati hanno inoltre suggerito

il consumo di sostanze contenenti caffeina può proteggere in modo significativo contro il rischio di incidente perchè mantiene svegli e vigili durante la guida; il beneficio è utile solo per un breve periodo e con pause regolari durante i lunghi viaggi in camion

L'autore

Emergency Live

Emergency Live is the only multilingual magazine dedicated to people involved in rescue and emergency. As such, it is the ideal medium in terms of speed and cost for trading companies to reach large numbers of target users; for example, all companies involved in some way in the equipping of specialised means of transport. From vehicle manufacturers to companies involved in equipping those vehicles, to any supplier of life- saving and rescue equipment and aids.

Articoli correlati

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

SEI UN LETTORE?

registrati-ora

SEI UN’AZIENDA?

diventa-partner

X