Alla scoperta della montagna – Il Soccorso Alpino spiegato ai bambini di Vercelli

Alla scoperta della montagna – Il Soccorso Alpino spiegato ai bambini di Vercelli

I bambini da sempre si dimostrano molto interessati alle attività costruttive, soprattutto all’aria aperta. In particolare, se le attività comprendono movimento, compagnia e nuove cose da imparare, sono sempre ben disposti a collaborare.

Proprio come i 100 bambini della 4° elementare di Varallo Sesia e delle classi 3/4/5 elementare di Vercelli, che, in collaborazione con il Soccorso Alpino Delegazione Valsesia – Valsessera e dei militari della Guardia di Finanza di Riva Valdobbia, giovedì 2 Marzo, hanno trascorso la giornata sui monti in legame con il progetto Arpiet di avvicinamento alla montagna per ragazzi delle scuole.

Il programma svolto è stato ricco di iniziative interessanti grazie anche alla giornata particolarmente soleggiata e calda. Intorno alle ore 09,00 tutti i partecipanti si sono dati appuntamento ad Alagna per poi risalire verso Pianalunga.

8 soccorritori del Soccorso Alpino, 3 militari della Guardia di Finanza di Riva Valdobbia (SAGF) e 2 cani da ricerca hanno condotto la spedizione. I bambini hanno assistito alla spiegazione dei soccorritori sulle regole generali del soccorso in montagna, su chi sono gli operatori coinvolti e su come comportarsi in caso di un’emergenza. Hanno poi visto il materiale che normalmente viene utilizzato in soccorso e il suo reale utilizzo. La giornata è proseguita con alcune dimostrazioni di ricerca in valanga dove i bambini sono stati coinvolti in diversi scenari e dove hanno potuto prendere parte alle azioni e cimentarsi nella ricerca utilizzando l’ARTVA e attrezzi come pala e sonda.

Uno dei momenti più interessanti è stato il coinvolgimento dei due cani da ricerca in valanga , Stich e Sky, che hanno divertito tutti i bambini.

Un’esperienza simile è stata ripetuta domenica 5 marzo a Carcoforo con 50 bambini dell’ESCAI di Ghemme, ai quali sono state riproposte le stesse attività sempre con grande successo.

Fonte

L'autore

Articoli correlati

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

SEI UN LETTORE?

registrati-ora

SEI UN’AZIENDA?

diventa-partner

X