“Il suo petto è troppo peloso” muore perché la hostess non gli applica il DAE

“Il suo petto è troppo peloso” muore perché la hostess non gli applica il DAE

“Il suo petto è troppo villoso per il nostro defibrillatore”. Avrebbe detto questo una hostess della Southwest Airlines a Caroline Jordan, a una infermiera e a un medico fisioterapista, mentre stavano cercando di salvare la vita a Jack, 62 anni. L’uomo è morto prima di arrivare all’aeroporto di Albuquerque, nel New Mexico.

La moglie di Jack Jordan ha raccontato questa incredibile vicenda ai media americani: “Mio marito si è sentito male e le hostess a bordo hanno chiesto se erano presenti dei medici in cabina. Sono arrivate subito due persone che hanno effettuato la CPR e cercato di applicare ossigeno a mio marito. Ma quando abbiamo chiesto se a bordo c’era un defibrillatore, mi sono sentita rispondere che si, c’era, ma per il petto di mio marito non sarebbe stato possibile usarlo”.

Ad apparire strano è soprattutto la motivazione per cui non sarebbe stato possibile usare un defibrillatore. Tutti gli aerei infatti devono esserne dotati, e all’interno devono esserci anche lamette e forbici per depilare, nel caso, il punto d’applicazione degli elettrodi.
Michelle Agnews, portavoce della Southwest Airlines, ha spiegato: “Condividiamo il triste momento che sta succedendo alla famiglia del passeggero deceduto. Il nostro report sull’accaduto indica che una volta venuti a conoscenza della situazione, una nostra hostess e due professionisti medici a bordo hanno assistito il paziente, seguendo il protocollo per l’uso delle nostre apparecchiature automatiche, incluso il defibrillatore. Tutti i nostri aerei sono equipaggiati con DAE e il nostro personale riceve un’educazione iniziale per la CPR oltre ad un richiamo annuale per la verifica delle competenze. Mentre l’aereo era in volo è stato chiamato anche un’equipe paramedica che ha raggiunto il volo immediatamente dopo l’atterraggio”. L’indagine sull’accaduto continua

 

L'autore

Emergency Live

Emergency Live is the only multilingual magazine dedicated to people involved in rescue and emergency. As such, it is the ideal medium in terms of speed and cost for trading companies to reach large numbers of target users; for example, all companies involved in some way in the equipping of specialised means of transport. From vehicle manufacturers to companies involved in equipping those vehicles, to any supplier of life- saving and rescue equipment and aids.

Articoli correlati

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

SEI UN LETTORE?

registrati-ora

SEI UN’AZIENDA?

diventa-partner

X