Non supereroi, non automi: il lavoro di un medico ER in prima persona

Non supereroi, non automi: il lavoro di un medico ER in prima persona

Essere medico di emergenza in una ER statunitense. Brian Drummond affida al magazine on-line The Conversation il racconto della propria esperienza lavorativa in una emergency room. Come in un flusso di coscienza, il medico evoca sentimenti, stati d’animo e riflessioni che intervallano la normale routine a contatto con i pazienti. Un racconto che sa essere cinico e delicato, personale e universale. Una narrazione nella quale molti medici sicuramente si ritroveranno.

Entro nella stanza per salutare il mio prossimo paziente senza sapere quello che troverò. Oggi, una signora anziana è scivolata in casa e la trovo legata alla spinale con indosso il collare cervicale. E’ una routine per tutti i pazienti coinvolti in incidenti stradali o cadute o qualsiasi altro trauma che potrebbe causare una lesione del midollo spinale. Quando la vedo, la sua testa è fasciata con una garza macchiata di sangue. Mentre il personale la collega al monitor cardiaco e alla macchina per tenere sotto controllo la pressione sanguigna, il paramedico relaziona la sua storia medica per chiunque lo voglia ascoltare.

La mia testa fa un esame inconscio della paziente e della sala: donna bianca, età sulla sessantina (più alto rischio di emorragia intracranica, probabilmente necessita di TAC della testa) muove le dita delle mani e dei piedi (minore rischio di lesioni del midollo spinale) e parla con l’infermiera (funzioni cognitive superiori intatte). Occhi aperti, si guarda intorno (i centri oculomotori funzionano normalmente). In pochi secondi, so che le probabilità di una devastante emorragia cerebrale o di una lesione del midollo spinale sono estremamente basse.

Formare la mia mente per riuscire a elaborare i segnali inviati dal corpo umano è frutto di anni di ripetizioni e di migliaia di pazienti. Alcuni casi sono più di routine ed è più facile fondere insieme le osservazioni, le domande e le decisioni in una diagnosi, mentre altri sono più confusi e difficili da leggere e interpretare.

Guardo il lato destro del volto della donna e noto un gonfiore significativo. Per tutto il tempo continuo a chiedere alla paziente come è caduta, dove ha perso conoscenza e le altre solite domande di rito. È interessante notare che ci sono studi che indagano in quanto tempo i medici interrompono i pazienti durante il colloquio preliminare a seconda delle differenti specialità. In media è tra i 18-23 secondi, per i medici di emergenza può essere inferiore a dieci. Non voglio essere scortese quindi lascio spesso che i pazienti parlino un po’ prima di tagliare corto. E poi mi piace ascoltare le loro storie. In queste brevi interazioni ho anche altri due importanti obiettivi: mostrare empatia e stabilire un collegamento personale.

La paziente dice che è inciampata e che, cadendo, ha picchiato la testa contro un armadio. Tuttavia, prima di telefonare per chiedere aiuto, si è preoccupata della salute del cane. Mentre ridiamo sulle sue priorità, io suturo la ferita. Il collegamento personale con i pazienti è necessario. Relazionarsi con loro con umanità aiuta moltissimo. Noi medici di emergenza conosciamo il dolore, le lotte, le sfide, la paura, la gioia e il sollievo dei nostri pazienti. Ma mentre l’investimento emotivo può essere carburante positivo per il paziente, noi siamo investiti da storie negative e preoccupanti, capaci di drenare riserve emotive interne: tossicodipendenti, senza fissa dimora, persone con disturbi mentali, e tanti anziani. Storie drammatiche e di sofferenza, che rischiano di coinvolgermi e di interferire con la mia capacità di cura per i prossimi pazienti. Per questo, una volta lasciata l’emergency room, faccio piazza pulita di tutto e sono pronto ad accogliere un nuovo paziente.

Per fortuna, oggi sono buone notizie e l’incidente avrebbe potuto essere peggiore. Nessuna frattura. Al commiato la paziente mi ringrazia per averla fatta stare tranquilla. Ma è già tempo di gettarsi in un altro rapporto. Ho 20 pazienti da curare contemporaneamente. Per il momento torno alla mia scrivania, ma tutti vogliono la mia attenzione: infermieri con domande di dosaggio del farmaco, tecnici con ECG alla revisione, studenti di medicina in attesa di presentare i loro pazienti … il tutto mentre il mio telefono squilla – una clinica vuole trasferire un paziente da me.

La pressione fa parte del gioco e mi fa amare il mio lavoro ancora di più. La combinazione di diagnostica e la capacità di dare assistenza alle persone in momenti di bisogno è una cosa speciale che da alla mia vita uno scopo più alto. Esercitare la professione medica in un ambiente che si aspetta da te il 100% di precisione può essere difficile, ma è la mia vocazione. E non potrei rinunciarvi”.

L'autore

Emergency Live

Emergency Live is the only multilingual magazine dedicated to people involved in rescue and emergency. As such, it is the ideal medium in terms of speed and cost for trading companies to reach large numbers of target users; for example, all companies involved in some way in the equipping of specialised means of transport. From vehicle manufacturers to companies involved in equipping those vehicles, to any supplier of life- saving and rescue equipment and aids.

Articoli correlati

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

SEI UN LETTORE?

registrati-ora

SEI UN’AZIENDA?

diventa-partner

X