Quali sono i lavori più stressanti al mondo?

Quali sono i lavori più stressanti al mondo?

I lavori più stressanti secondo una recente classifica americana sono quelli che mettono a repentaglio la vita del singolo individuo. Quante volte ci lamentiamo dello stress accumulato durante le ore di lavoro? Certamente le due maggiori cause che aumentano la tensione e il disequilibrio a livello psico-fisico sono il contatto con le persone durante l’arco della giornata e ovviamente il fatto di dover prendere decisioni in tempo reale con una puntualità a volte anche terrificante.

Quando però le due componenti: interazione con una moltitudine di persone costante, e prendere decisioni fondamentali si mescolano con l’ansia di perdere la vita; ecco che il mestiere più stressante al mondo secondo questa recente classifica non può essere altro che quello del vigile del fuoco. Ricevere chiamate in quantità industriale da persone in preda al panico, doversi rapportare sempre al top sia con se stessi che con gli altri e in più arrampicarsi sopra cornicioni di palazzi altissimi e salvare la vita a persone indifese mettendo a repentaglio la propria vita, di certo conferma come il mestiere del pompiere se non altro è un lavoro complicato.

Al secondo e terzo posto la classifica vede i componenti dell’esercito e delle forze dell’ordine in generale, dove anche in quest’occasione le concause del primato sono facilmente deducibili. Altri mestieri poi, come il medico e tutto il personale sanitario si riservano un posto in prima linea in questa speciale classifica.

L'autore

Emergency Live

Emergency Live is the only multilingual magazine dedicated to people involved in rescue and emergency. As such, it is the ideal medium in terms of speed and cost for trading companies to reach large numbers of target users; for example, all companies involved in some way in the equipping of specialised means of transport. From vehicle manufacturers to companies involved in equipping those vehicles, to any supplier of life- saving and rescue equipment and aids.

Articoli correlati

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

SEI UN LETTORE?

registrati-ora

SEI UN’AZIENDA?

diventa-partner

X