Soccorso alpino: Vuoi il rimborso dell’indennità ? Devi pagare

Soccorso alpino: Vuoi il rimborso dell’indennità ? Devi pagare

Che il volontariato sia un gesto gratuito verso la propria comunità è risaputo. Che spesso ci si rimetta qualcosina anche. Ma che per avere un’indennizzo delle ore di lavoro non svolte a causa dell’aiuto dato alla società civile si debba pagare, questo non era ancora accaduto.

E’ la Provincia autonoma di Bolzano a inaugurare questa nuova forma di balzello. La liquidazione dell’indennità per il mancato reddito riguardante le operazioni di soccorso alpino e speleologico deve essere corredata da una marca da bollo da 16 euro.

“I membri volontari del soccorso alpino e speleologico che fanno parte del C.A.I. (Club Alpino Italiano) o dell’A.V.S. (Alpenverein Südtirol), hanno il diritto al rimborso dei giorni lavorativi persi o delle ore lavorative perse a causa della partecipazione ad operazioni di soccorso o a esercitazioni di aggiornamento” scrive sul suo sito web l’amministrazione autonoma dell’Alto-Adige.

“Per i lavoratori dipendenti il datore di lavoro può chiedere il risarcimento delle giornate/ore non lavorate a causa dell’impegno dovuto ad operazioni di soccorso alpino o per la partecipazione a corsi di aggiornamento all’I.N.P.S. I volontari che esercitano un’attività autonoma possono richiedere all’Ufficio Servizio lavoro dell’Amministrazione provinciale il risarcimento parziale del mancato guadagno causato dalla partecipazione ad operazioni di soccorso o a corsi di aggiornamento. La domanda deve essere presentata entro e non oltre il mese successivo allo svolgimento dell’operazione di soccorso o dell’esercitazione.

Documenti richiesti
domanda con i dati IBAN (dati bancari)
attestazione firmata dal sindaco del luogo in cui si è svolta l’operazione di soccorso o l’esercitazione, che certifichi la partecipazione e la durata del soccorso o dell’esercitazione.
Alla domanda va allegata una marca da bollo da Euro 16,00.

 

A questo punto ci chiediamo se il sindaco di Berchtesgaden – dove il CNSAS è stato protagonista di un magistrale soccorso a un ferito dentro la grotta del Riesending-Schachthöhle, con quasi 100 volontari – verrà a capo della complicata e spesso incomprensibile richiesta della burocrazia italiana.

L'autore

Emergency Live

Emergency Live is the only multilingual magazine dedicated to people involved in rescue and emergency. As such, it is the ideal medium in terms of speed and cost for trading companies to reach large numbers of target users; for example, all companies involved in some way in the equipping of specialised means of transport. From vehicle manufacturers to companies involved in equipping those vehicles, to any supplier of life- saving and rescue equipment and aids.

Articoli correlati

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

SEI UN LETTORE?

registrati-ora

SEI UN’AZIENDA?

diventa-partner

X