Viaggio nel pronto soccorso fantasma di Careggi

Viaggio nel pronto soccorso fantasma di Careggi

FIRENZE – In esclusiva il quotidiano “La Nazione” è entrato negli spazi ancora chiusi del pronto soccorso Deas di Careggi, a Firenze. Il progetto è ormai completo e la struttura ha tutto il mobilio necessario. Ma nei lavori è stata dimenticata un struttura fondamentale: la rampa di uscita delle ambulanze. Ad oggi mancherebbe lo spazio per far uscire i mezzi di soccorso, se non in retromarcia. Secondo la Nazione “per fare la rampa sarebbe necessario abbattere una parte dell’edificio che attualmente, a Careggi, ospita l’oculistica. Ma c’è di più:

Com’è stato possibile che tutto ciò accadesse visto che, complessivamente, l’opera ha ricevuto due collaudi (statico e degli impianti meccanici) e un certificato di idoneità (impianti elettrici e speciali)? C’è una seconda complicazione che rischia di vanificare l’impegno economico sin qui sostenuto dall’azienda Careggi, dalla Regione e dunque dalla collettività: 13 milioni circa dei 20 appaltati, con regolare contratto, il 19 dicembre del 2007 all’impresa Impregilo spa: il nuovo pronto soccorso, così com’è stato realizzato, non risulterebbe funzionale alle necessità sanitarie.

Continua a leggere sul sito de La Nazione

L'autore

Emergency Live

Emergency Live is the only multilingual magazine dedicated to people involved in rescue and emergency. As such, it is the ideal medium in terms of speed and cost for trading companies to reach large numbers of target users; for example, all companies involved in some way in the equipping of specialised means of transport. From vehicle manufacturers to companies involved in equipping those vehicles, to any supplier of life- saving and rescue equipment and aids.

Articoli correlati

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

SEI UN LETTORE?

registrati-ora

SEI UN’AZIENDA?

diventa-partner

X