Anedonia

Anedonia

Definizione

In psicologia e psichiatria, il termine anedonia descrive l’incapacità, totale o parziale, di un paziente a provare piacere, appagamento o soddisfazione, per le consuete attività piacevoli come dormire, nutrirsi, avere rapporti sessuali e contatti sociali. L’anedonia è considerata uno dei sintomi più indicativi dei vari disturbi e malattie mentali; i più diffusi sono la depressione e psicosi croniche in genere. Essa si definisce sociale quando il disinteresse è mirato ai soli rapporti interpersonali, mentre si definisce fisica quando invece riguarda il cibo, il sesso e le emozioni. Un tipo di anedonia è detta anedonia sessuale e sta ad indicare l’incapacità di godere nell’atto sessuale, come una sorta di anorgasmia.

Terapie

Le terapie sono pressoché identiche a quelle utilizzate per la cura della depressione e dei disturbi di natura psicologica, quali sedute psichiatriche, dialogo e, quando necessario, supporto farmacologico, che potrebbero diminuire la negatività derivata dal disturbo anedonico. L’anedonia non è una vera e propria patologia a sé stante, ma è sempre accompagnata da molti disturbi della personalità, peggiorandoli. Una buona cura avverrebbe nel momento in cui lo specialista capisce la fonte da cui parte questa patologia; solo risalendo al problema principale è possibile curarla al meglio.

L'autore

Articoli correlati

BANNER_GUIDASICURA_AMBULANZA

X