Antipiretico

Antipiretico

Sono detti antipiretici quella gamma di farmaci il cui principio attivo induce l’abbassamento della temperatura corporea negli episodi febbrili, perciò detti anche antifebbrili. Solitamente si possono acquistare nelle farmacie e parafarmacie senza prescrizione medica.

Utilizzo300px-Antipiretico

L’antipiretico è un farmaco che va usato nel giusto modo a seconda della situazione poiché lo stato febbrile è la risposta naturale del corpo alla presenza di un virus o un batterio che tenta innalzando la temperatura di eliminarlo o d’indurre la risposta immunitaria. E’ consigliabile assumere l’antipiretico se si superano i 39° in concomitanza con spugnature di acqua fresca o aceto da posizionare sulla nuca e sui polsi.

Controindicazioni

L’assunzione dei farmaci antipiretici in casi di non reale necessità può indurre problemi a livello gastrico, epatico o fenomeni allergici.

Classificazione

Gli antipiretici più conosciuti sono:

• Tachipirina

• Efferalgan

• Zerinol

• Aspirina

Principi attivi

Il principio attivo più noto che comporta meno effetti collaterali è il paracetamolo che però va utilizzato con prudenza nel caso di problemi epatici, segue l’ibuprofene che presenta minori complicazioni gastroenteriche a differenza degli altri, quindi la nota aspirina che può comportare problemi ai meccanismi della coagulazione e nei minori di 14 anni può comportare la Sindrome di Reye ed è anche sconsigliata nei casi di gastrite edulcera, il nimesulide, il ketoprofene ed il flurbiprofene. Nel caso di sospetta gravidanza o di bambini l’assunzione di farmaci antipiretici dev’essere tassativamente affrontata con il medico di famiglia.

L'autore

Articoli correlati

BANNER_GUIDASICURA_AMBULANZA

X