Barella

Barella

Cenni introduttivi

Una barella è un dispositivo medico utilizzato per trasportare da un luogo ad un altro feriti, pazienti in fase pre – post operatoria e in generale persone incapaci di muoversi autonomamente. Lo scopo principale della barella è 250px-Barellaquello di prevenire ulteriori lesioni e di facilitare lo spostamento in sicurezza del paziente verso l’ambulanza che lo porterà presso l’ospedale più vicino nel reparto appropriato. Infatti, senza l’utilizzo di una barella medica affidabile, i rischi di lesioni per il paziente aumenta drasticamente durante il trasporto. Una barella è solitamente mossa da due persone, una a capo e l’altra ai piedi e viene spinta in modo che il paziente possa vedere dove viene trasportato. Il ferito viene posto sulla barella, e può quindi essere trasportato. Le barelle sono indicate per il trasporto di feriti e in generale di persone che non possono camminare. La maggior parte delle barelle moderne sono dotate di ruote per agevolarne la scorrevolezza e cinghie per immobilizzare la persona a bordo al fine di evitare ulteriori traumi.

Storia

Sebbene non ci sia memoria storica di quando la barella è entrata in uso, si evidenzia che le barelle sono state utilizzate come dispositivi di trasporto sin dall’antichità sui campi di battaglia e nelle situazioni di emergenza (come incendi e calamità naturali) nelle condizioni in cui i veicoli di soccorso a motore erano ostacolati o impossibilitati ad intervenire a causa dalle avverse condizioni del terreno. Esse avevano la stessa funzione, oggi come allora: accelerare il libero e sicuro trasporto di infortunati e feriti da un luogo all’altro. Sono sempre state utilizzate per proteggere il ferito da ulteriori lesioni durante il trasporto e per alleviare l’onere di carichi pesanti alle persone che portavano i feriti in un area di sicurezza. Senza l’utilizzo di una barella o di uno strame, le persone non avevano altra scelta che portare loro stessi i feriti o caricarli su una bestia da soma. Nella loro più semplice conformazione, le barelle sono costituite da un telo su cui si adagia il paziente e di due lunghe aste che vengono afferrate dai barellieri. Questa conformazione era molto comune ed utilizzata durante la Seconda Guerra Mondiale nelle situazioni critiche in cui i feriti versavano in condizioni gravi e necessitavano di un soccorso rapido ed immediato.

Epoca moderna

La barella medica moderna ha le ruote, rendendo il trasporto di pazienti molto più facile e rapido, indipendentemente dall’ambiente. Le barelle in uso oggi sono fondamentalmente un letto stretto, montato sopra un telaio metallico con ruote normalmente regolabile in altezza. La maggior parte dei modelli sono solitamente pieghevoli; essi possono anche avere cinghie o lacci che vengono utilizzati per fissare il paziente alla barella, nel tentativo di impedire allo stesso di muoversi e di aggravare eventuali lesioni.

Tipologie di barelle

Esistono oggi numerose tipologie di barelle. Solitamente si usa distinguere le barelle in due tipologie in base alla presenza (barelle autocaricanti) o meno (barelle normali) di un carrello per il trasporto su superficie piana.

La barella normalizzata e la barella d’emergenza non sono dotate di ruote e sono di solito trasportate da tre o quattro persone. Nel caso in cui esse siano trasportate da solo due persone, si utilizzano delle cinghie che vengono legate ai poli al fine di agevolare il trasporto scaricando il peso sulla schiena oltre che sulle braccia.

Cenni legislativi

La barella principale deve consistere di una lettiga che può essere utilizzata da sola o in combinazione con un carrello di supporto solidale o separabile.

  • Deve essere progettata in modo che il peso del paziente e della lettiga sia sollevato/portato dal personale addetto solo per un periodo di tempo minimo.
  • Deve essere progettata in modo che durante il carico e lo scarico, il peso massimo che grava su ogni componente del personale addetto risulti la metà del peso totale del paziente più barella, e sia limitato al tempo minimo possibile, in posizione ergonomica ottimale, in modo da ridurre al minimo il piegamento della schiena.

La barella a cucchiaio: le dimensioni della barella a cucchiaio devono essere le seguenti:

  • La lunghezza deve essere di almeno 1 650 mm estensibile fino a un minimo di 2 010 mm.
  • Larghezza: minima 400 mm
  • Spessore (chiusa): massimo 90 mm
  • Lunghezza (chiusa): massima 1 200 mm
  • La massa non deve essere maggiore di 11 kg
  • Nota La massa dovrebbe essere il più ridotta possibile.
  • La capacità di carico deve essere almeno di 150 kg.
  • Il telaio della barella a cucchiaio deve avere una struttura robusta e leggera, con impugnature incorporate.
  • Deve avere lunghezza regolabile per ricevere pazienti di tutte le taglie.
  • Deve essere costruita in modo che le due parti possano essere separate e chiuse per l’uso corrente.
  • Le superfici devono essere concave per accogliere il paziente in modo da sostenerlo e ridurre al minimo il movimento laterale.
  • Le superfici concave devono essere fissate in modo rigido al telaio.
  • Giunti, aperture e guarnizioni devono essere a tenuta.
  • Devono essere previste tre cinture di trattenuta paziente ad apertura rapida.

L'autore

Articoli correlati

Rispondi

BANNER_GUIDASICURA_AMBULANZA

X