Candida albicans

Candida albicans

Cos’è

La candida albicans è un lievito appartenente alla famiglia dei Saccaromiceti. Generalmente la candida albicans si instaura, poco dopo la nascita, nell’intestino di ogni individuo, e si trova normalmente nel tratto gastrointestinale, nella vagina e nel cavo orale e svolge un importante ruolo nel processo di digestione degli zuccheri. In alcuni casi può250px-Candida_albicans però accadere che la candida albicans diventi patogena, trasformandosi in fungo e divenendo la causa di infezioni.

Bisogna specificare che la candida albicans non è una patologia unicamente femminile. Anche gli uomini possono essere affetti da candida, che può presentarsi spesso in modo asintomatico.

Cause

Le cause che scatenano l’infezione da candida sono di solito correlate a un indebolimento del sistema immunitario. I principali fattori che facilitano la proliferazione della candida possono essere l’uso di antibiotici e antiinfiammatori (che riducono la flora batterica “amica”), l’abuso di alcool e di fumo, la mancanza di riposo o di esercizio fisico, il diabete mellito, la presenza di malattie che si prolungano nel tempo e che debilitano l’organismo. Uno dei motivi più comuni che favoriscono l’insorgenza della candidosi è la massiccia assunzione di zuccheri. La candida albicans, infatti, partecipa alla digestione degli zuccheri; un’assunzione troppo alta di zuccheri dà eccessivo nutrimento al fungo, che comincia a moltiplicarsi e a diventare patogeno. Anche indossare indumenti troppo stretti o biancheria sintetica può essere fonte di candidosi, a causa dell’eccessiva temperatura che favorisce l’umidità e la proliferazione del fungo. Un’infezione da candida che invade l’intestino può essere anche conseguenza di lunghi e continui periodi di stress.
Testo protetto da Copyright: si consente di citare questo testo solo lasciando il seguente link- Tratto da www.meglioinsalute.com

Contagiosità

La candida è altamente contagiosa ed è facilmente trasmissibile attraverso i rapporti sessuali, anche se non si esclude la possibilità di contagio anche tramite il semplice contatto fisico. Il contagio da donna a uomo è più frequente di quello da uomo a donna, perché nello sperma è presente solo una piccola quantità di fungo, spesso insufficiente a trasmettere la malattia.

Tipologie

La candidosi può essere:

  • Localizzata: la candidosi si diffonde in zone localizzate, di solito le parti più umide, come la cavità orale (la candidosi, in questo caso, prende il nome di mughetto), la vagina, il pene, le pieghe della pelle.
  • Sistemica: in questo caso al candida albicans si diffonde fino all’esofago e diventa sistemica. Può inoltre raggiungere il sangue liberando tossine e provocando la candidemia. Questo tipo di candidosi è comunque molto più rara rispetto a quella localizzata.

Sintomi

Se la candida colpisce le zone genitali femminili, i sintomi possono essere prurito intenso, bruciore nell’urinare, produzione di perdite biancastre “a ricotta”, lesioni uretrali. Le candidosi all’apparato genitale maschile si presentano invece con arrossamento, formazione di chiazze rossaste lucide, localizzate sul glande e sul prepuzio, con presenza di bruciore e prurito.

Cura

La terapia più adatta per combattere la candidosi è attraverso la somministrazione di antimicotici, che possono essere assunti oralmente, per uso locale (attraverso creme da applicare nelle zone infettate), da iniettare. È inoltre consigliato diminuire la quantità di zuccheri. Molto importante è la prevenzione: una volta contratta la candidosi, infatti, la sua successiva ricomparsa è molto frequente. È innanzitutto necessario fare attenzione alla propria igiene intima, non indossare abiti stretti o biancheria sintetica, evitare l’utilizzo di salvaslip, se non necessario (tende a ridurre la traspirazione).

Fonti

L'autore

Articoli correlati

Rispondi

BANNER_GUIDASICURA_AMBULANZA

X